ITA | ENG | FRA | ESP| LIT | SUE | DEU
1272 Artisti presenti
 

ART IN WORLD

LOGIN UTENTI
Username

Password



dati smarriti?

SEI UN ARTISTA?
REGISTRATI E PUBBLICA LE TUE OPERE SU AIW


------------------

SEI UN GALLERISTA?
REGISTRA LA TUA GALLERIA


------------------

NEWS
GALLERIE
MUSEI
LINK UTILI
SITI SEGNALATI

PUBBLICA LE TUE NEWS

------------------
ART IN WORLD
INFO
SERVIZI
CONTATTI
NEWSLETTER
HELP ONLINE

------------------

CERCA NEL SITO



ART IN WORLD

Premio G. D’Annunzio

Art in World premia i vincitori del Premio D''''Annunzio

AIW INTERNATIONAL CONTEMPORARY ARTISTS

ART IN WORLD

ART IN WORLD - pittori ART IN WORLD - designer ART IN WORLD - scultori ART IN WORLD - decoratori ART IN WORLD - incisori ART IN WORLD - fotografi ART IN WORLD - gallerie ART IN WORLD - notizie
PITTORI DESIGNERS SCULTORI DECORATORI INCISORI FOTOGRAFI GALLERIE NEWS

HOME | AIW GALLERIA VIRTUALEAIW YEARBOOK - ANNUARIO 2010 | AIW RECENSIONI | CONCORSO AIW 2010

Cristina Carusi E-MAIL ARTISTA (categoria: Scultori)
Top Level

I contenuti qui di seguito riportati, sono a cura esclusiva dell'artista

 
Bookmark and Share
OPERE
 
Rinascita
Rinascita
 
 
Les Amant
Les Amant
 
 
La Crestola
La Crestola
 
 
Venerupis Aurea
Venerupis Aurea
 
 
Desire Interdit
Desire Interdit
 

BIOGRAFIA:

Il paese in cui nasce, Torano, è una delle più illustri vicinanze carraresi per tradizioni culturali ed artistiche legate ad una millenaria attività estrattiva. Lo sovrasta, caratterizzandone il paesaggio, l’aguzza cima del Crestola che, secondo una fama consolidata, Michelangelo aveva ideato di scolpire quale faro per i naviganti. Incuneato in quello che, dei tre bacini marmiferi, può essere definito sopra le altre “valle dei marmi”, ha fornito materiale pregiato per le opere massimi scultori tra cui il Buonarroti che lo prediligeva. A Torano sono nati alcuni tra i maggiori statuari carraresi che raggiunsero fama nazionale come Domenico Guidi e Pietro Tenerani. In una delle sue case, tutte elevate in bianchi sassi e blocchi pesanti, all’ombra dell’oratorio dedicato ai Santi Quattro Coronati, protettori dei marmisti , vede la luce il 15 aprile 1964 Cristina, e tutto intorno a lei parla di arte e cultura del marmo . La famiglia in cui nasce proviene da Moneta, borgo murato con un possente castello, ormai in decadenza. Fra ricchi possidenti di cave e terreni, poi coinvolti nel disastro economico degli anni ’30 che segnò la fine di molte fortune di magnati del marmo come i Marchetti e i Fabbricotti, i Carusi o, per essere più esatti, i Carusi Cybei sono anche da secoli dediti alla scultura Non diversamente da altre vere e proprie “dinastie” locali di statuari, i Carusi si tramandano di generazione in generazione le tecniche della lavorazione della bianca pietra di cui conoscono tutti i segreti e si fregiano della presenza tra loro di notevoli artisti. Come Demetrio Carusi, rivale di Tenerani nel concorso per il pensionato a Roma nel 1810 e quindi suo valente collega, in quella città, presso Thorvaldsen . Il padre di Cristina, Lucio, anch’egli scultore affermato, autore di opere pregevolissime, nel 1966 è chiamato nel Vermont ad illustrare il marmo di quella zona con la sua abilità artistica . Parte con la famiglia: Cristina, la secondogenita, ha solo due anni. Cambia addirittura continente, ma continua ancora a respirare quella polvere impalpabile di marmo che esce dagli scalpelli e le gradine del Vermont, vive sempre a contatto con artisti e con la materia grezza che dalla loro mano si trasforma in una metamorfosi perpetua. Quando, dopo anni, tornerà in Italia con i suoi, sceglie di frequentare un corso di studi che le fornisce le basi culturali consoni ai propri interessi: il liceo artistico. A ventidue anni è pronta a dedicarsi alla vocazione che sente imperiosa dentro di sé: scolpire e ancora scolpire. Soprattutto il marmo della sua città natale, statuario, calacatta , cipollino, bardiglio ma anche la tenera pietra leccese, il rosso di Levanto e molto altro….. a secondo dell’ispirazione e della frugalità che vuole raggiungere. Si impegna accanto al padre e al fratello Roberto - anch’egli scultore - nel laboratorio di famiglia, seguendo, il tipico iter degli statuari carraresi che abbinavano agli studi teorici la pratica della lavorazione personale della materia. E uno studio importante quello dei Carusi ove alcuni dei migliori artisti del mondo giungono esprimendo la loro creatività e le loro esperienze: un osmosi culturale di cui Cristina è attiva e partecipe. Cominciano cosi a prendere forma le sue opere che, come è secolare tradizione a Carrara, rivelano tutte una padronanza e una sicurezza considerevoli anche dal punto di vista tecnico. Nello stesso tempo si assiste ad una ricerca teorica continua e instancabile dell’autrice che sperimenta materiali marmorei diversi e opera diverse scelte tematiche. La figura femminile è predominante, ma si passa dalle iniziali rivisitazioni delle veneri del paleolitico, madri primigenie dalle forme piene e forti a figure sempre più agili, nuove, talora addirittura aeree che sembrano sprigionarsi dalla materia grezza. Liscia e levigata l’immagine scultorea si snoda dal marmo scabroso ed irto, rozzo o scalpellato, quasi per librarsi dalla sua scorza o per immergersi ancora in essa. Il pensiero corre ai “prigioni” di Michelangelo che sembrano emergere dal blocco in cui sono costretti . Seguendo tutta la cultura dotta e popolare del marmo, Cristina, come artista “libera” col suo scalpello libera la viva creatura che è celata nel masso . Fu così per Michelangelo, per Fontana e per Rodin cui la Carusi dedica “un omaggio”, con un’opera emotivamente sentita. Se predomina il figurativo modernamente reinterpretato (genesi, metamorfosi, rinascita, voluttà…..) è presente anche l’astrattismo dalle linee purissime e non manca l’approccio metafisico. Nulla è casuale nell’opera di Cristina, nulla è superfluo. Alla base delle sue creazione c’è una profonda capacità meditativa, filosofica ed ideativa che, unita all’abilità tecnica innata ed acquisita, le permettono di raggiungere risultati d’eccellenza. Nell’arte “profana”, come in quella sacra, emergono per particolare suggestione dolcezza ed ingegno teorico come nei volti della “Pietas” de “il mattino che caddero gli angeli” o l’Ecce Homo posto al centro del percorso labirintico spirituale ed esistenziale verso l’elevazione e l’estasi mistica. Rosa Maria Galleni Pellegrini


MOSTRE:

1992: Mostra itinerante in occasione della 11a mostra dei vini d.o.c. Francia Corta di Rovato Brescia e personale in palazzo Quistini. 1993: concorso nazionale premio” Golfo del Tiglio” 1a classificata sezione scultura. 1994: 2a classificata nel concorso internazionale dell “Associazione Artisti di Genova” e personale presso gli spazi espositivi di Genova. Mostre personali e collettive presso i padiglioni della Marmo Macchine e Galleria d’arte “ Marini” a Carrara. 1995,1996: esposizione nella 2a e 3a edizione del Festival Lunense di Lorenzo Ciompi Benelli col patrocinio dell’assessorato alla cultura e spettacolo del comune di Ortonovo (Sp). Pubblicazioni su: “La Ballata” rivista specializzata in arte e cultura, la rassegna antologica “Angeli demoni e altri miti” collana “Interferenze Creative” di Vercelli e la rivista d’arte e cultura dell’università di Padova “Punto Di Vista”. 1999: mostra "Artisti per il 2000" ex convento del Carmine Firenze gruppo artistico “Art Point Black”. 2000: esibizione di scultura, rievocazione medievale di Finalborgo, Pietra Ligure. 2002: 1a una mostra d’arte al femminile “insieme è di più…”; intervento bottega di scultura, fiera d''arte e artigianato," L''oro d''Abruzzo" in Pescara. 2003-2005: 2a, 3a e 4a edizione mostra di pittura e scultura al femminile “insieme è di più…” Palazzo ducale di massa. 2004: simposio internazionale di scultura in alabastro “Pensieri Paralleli” Volterra e collettiva nello spazio espositivo della pinacoteca civica di Volterra, piazza dei Priori, mostra itinerante nel comune di Pomarance (PI) ,comune di Bibbona , comune di Montecatini , Val di Cecina e in alcune città lombarde; mostra “Immenso e rosso” con Borghesi “pittura” ,Carusi “scultura” , Dal Degan “poesia” , ex convento delle Clarisse, Levanto.


 
 
I segni di Montecchio Emilia
È stato presentato sabato 18 maggio 2019 il progetto creato dall’artista Massimiliano Galliani per MO-EL, l’azienda di Montecchio Emilia attiva nel settore industriale della tecnologia ecologica, a cui il Comune ha affidato l’abbellimento, la manutenzione e la cura della rotatoria sulla tangenziale a sud del paese, all’intersezione con via Galvani.


Luca Bellandi "This-Incanto"
a cura di Maria Grazia Melandri e Antonella Liguori


Nel segno di Antonio Ligabue
"Nel segno di Antonio Ligabue", la galleria Phidias Antiques presenta, dal 18 maggio al 15 giugno 2019, nella propria sede di Reggio Emilia, una retrospettiva dedicata al grande artista emiliano, celebrato nel 2019 dal Museum im Lagerhaus di San Gallo e dal film di Giorgio Diritti. Inaugurazione: sabato 18 maggio, ore 18.00.


Luigi Menozzi. Intrepidi intrecci
Arte e natura si danno la mano nelle fotografie di Luigi Menozzi, esposte dal 10 maggio al 22 novembre 2019 negli spazi di BFMR & Partners a Reggio Emilia. Curata da Sandro Parmiggiani, la mostra è inserita nel circuito Off di “Fotografia Europea”.


Tre Lune
Mostra collettiva con opere di Barbara Nicoletto, Alessandra Binini, Barbara Giavelli che affrontano il tema del sogno, della visione e dell’onirico.


6 STORIE D'ARTE
Sei artisti, sei storie che il linguaggio dell’arte unisce in un unico racconto e apre a nuove prospettive


Alfredo Serri
a Galleria Open Art di Prato ospita la mostra di Alfredo Serri, un maestro colto e discreto nella Firenze del dopoguerra.



Art in World premia i vincitori del Premio D''''Annunzio

DECO MOBILI

DECO MOBILI STORE ONLINE

Fondazione Paolo Grassi

  Art in World ® artinworld.com - arteinrete.net - menasinternete.lt - Artisti Contemporanei Internazionali | P.IVA 03108660733 | policy privacy