ITA | ENG | FRA | ESP| LIT | SUE | DEU
1274 Artisti presenti
 

ART IN WORLD

LOGIN UTENTI
Username

Password



dati smarriti?

SEI UN ARTISTA?
REGISTRATI E PUBBLICA LE TUE OPERE SU AIW


------------------

SEI UN GALLERISTA?
REGISTRA LA TUA GALLERIA


------------------

NEWS
GALLERIE
MUSEI
LINK UTILI
SITI SEGNALATI

PUBBLICA LE TUE NEWS

------------------
ART IN WORLD
INFO
SERVIZI
CONTATTI
NEWSLETTER
HELP ONLINE

------------------

CERCA NEL SITO



ART IN WORLD

Premio G. D’Annunzio

Art in World premia i vincitori del Premio D''''Annunzio

AIW INTERNATIONAL CONTEMPORARY ARTISTS

ART IN WORLD

ART IN WORLD - pittori ART IN WORLD - designer ART IN WORLD - scultori ART IN WORLD - decoratori ART IN WORLD - incisori ART IN WORLD - fotografi ART IN WORLD - gallerie ART IN WORLD - notizie
PITTORI DESIGNERS SCULTORI DECORATORI INCISORI FOTOGRAFI GALLERIE NEWS

HOME | AIW GALLERIA VIRTUALEAIW YEARBOOK - ANNUARIO 2010 | AIW RECENSIONI | CONCORSO AIW 2010

 
NEWS ART IN WORLD MOSTRE E AVVENIMENTI D'ARTE IN ITALIA E ALL'ESTERO
LEGGI TUTTE LE NEWS SUGLI EVENTI IN CORSO | VAI ALL'ARCHIVIO STORICO DELLE NEWS | SEGNALA UN EVENTO

Bookmark and Share

Articolo pubblicato da: A arte Invernizzi

Colloquium

Günter Umberg e l’arte italiana


Inaugurazione giovedì 19 settembre 2019 ore 18.30
La galleria A arte Invernizzi inaugura giovedì 19 settembre 2019 alle ore 18.30 la mostra "Colloquium. Günter Umberg e l’arte italiana", occasione per la quale l’artista tedesco si fa anche curatore, ideando un percorso espositivo nel quale le sue opere sono poste in relazione, attraverso un dialogo ideale, con quelle di alcuni dei principali protagonisti dell’arte italiana degli ultimi decenni.
L’esposizione è concepita come uno spazio da percorrere, all’interno del quale le opere entrano in rapporto con l’ambiente che le circonda, in virtù del valore fisico della pittura stessa che le costituisce.
In occasione della mostra verrà pubblicato un volume contenente un saggio di Paolo Bolpagni, frutto di un lungo dialogo con l’artista, nel quale sono indagati i legami tra i potenti monocromi di Günter Umberg presentati negli spazi espositivi e le opere di Rodolfo Aricò, Carlo Ciussi, Gianni Colombo, Dadamaino, Riccardo De Marchi, Piero Dorazio, Lucio Fontana, Mario Nigro, Angelo Savelli, Salvatore Scarpitta, Nelio Sonego ed Emilio Vedova con l’obiettivo di instaurare rimandi visivi e concettuali.
Come scrive Paolo Bolpagni, “la pittura di Günter Umberg crea esperienze percettive, e al contempo porta con sé implicazioni filosofiche. I suoi particolarissimi monocromi non occupano gli spazi, ma li attivano, conferendo loro senso e concentrazione. Si tratta di opere che, accostate in relazione a un luogo ben preciso, e in questo caso anche a lavori di altri autori individuati sulla base di rispondenze, affinità e “parentele” espressive, generano organismi ricchi di risonanze, che costruiscono l’ambiente e lo definiscono”.
La mostra testimonia anche la profonda conoscenza che Günter Umberg sviluppò della scena artistica italiana a partire dagli anni Settanta, scoprendo, anche grazie al tramite di Klaus Honnef, i testi e le idee di critici come Filiberto Menna e Giulio Carlo Argan e le opere di esponenti della pittura italiana.
Ciò che in particolare lo colpì, già delle ricerche aniconiche dell’immediato dopoguerra, fu il carattere lirico e poetico dell’atteggiamento degli artisti italiani, unito alla loro attenzione al materiale quale elemento espressivo. Per Umberg sarà poi importante la “scoperta” degli statunitensi (fondamentale un soggiorno a New York negli anni Ottanta): in artisti come Donald Judd e Carl Andre trovò libertà, concretezza e un’attitudine completamente lontana da ogni pretenziosità, che costituì una lezione di solidità e ordine. Tutte queste suggestioni si sono condensate in una visione personalissima, fortemente speculativa ma al contempo ancorata alla materialità della tecnica pittorica, che raggiunge in lui vertici di virtuosismo che lo possono avvicinare ai maestri tardo-medievali che tanto ama, tuttora studiati e meditati con passione. Per Günter Umberg, alla base di ogni ideazione artistica vi è un dialogo: con lo spazio, con l’osservatore, con le altre opere (non soltanto proprie, come questa mostra documenta), con il passato e il presente, con il mondo e la realtà, cosicché l’esperienza estetica e percettiva non risulta mai chiusa e conclusa, ma muta, evolve e si anima in una processualità esperienziale incessante.
L’altro fattore essenziale è quello della “costruzione”: «bauen das Werk, bauen den Raum», «costruire l’opera, costruire lo spazio», in una progressiva strutturazione che trae linfa da innumerevoli spunti.
Questa è l’utopia di Umberg: un sogno per il futuro della pittura.
CATALOGO CON SAGGIO DI: PAOLO BOLPAGNI
PERIODO ESPOSITIVO: 19 SETTEMBRE - 13 NOVEMBRE 2019
ORARI: DA LUNEDÌ A VENERDÌ 10-13 15-19, SABATO SU APPUNTAMENTO


DOVE: A arte Invernizzi

QUANDO: Giovedì 19 settembre 2019 ore 18.30

EMAIL: press@aarteinvernizzi.it

URL: https://www.aarteinvernizzi.it/it/home

Mirko Baricchi, Giulia Lazzaron - DUO
La Galleria 8,75 Artecontemporanea di Reggio Emilia presenta la mostra di Mirko Baricchi e Giulia Lazzaron, "DUO". Curata da Chiara Serri, l'esposizione è realizzata in collaborazione con le gallerie Bonioni Arte di Reggio Emilia e Cardelli & Fontana Arte Contemporanea di Sarzana. Inaugurazione: sabato 19 ottobre, ore 17.00.


Mostra personale
Nino Perrone e un’arte che risveglia i sensi


Gradazioni di luce. Geografie di sguardi tra storia e contemporaneità
Dopo il successo riscosso a Singapore, in occasione del Gran Premio di Formula 1, il progetto “Gradazioni di luce. Geografie di sguardi tra storia e contemporaneità” approda alla Fondazione Dino Zoli di Forlì dal 19 ottobre 2019 al 19 gennaio 2020. La mostra, promossa da DZ Engineering e Fondazione Dino Zoli, è curata da Gigliola Foschi e Nadia Stefanel con opere di sei fotografi italiani. Inaugurazione: sabato 19 ottobre, ore 18.00.


Visioni intime e della terra
collettiva di artisti


Omar Galliani, Michelangelo Galliani, Massimiliano Galliani. ARTREE
La storica Galleria delle Arti di Città di Castello di Perugia presenta, dal 12 ottobre al 12 dicembre 2019, “ARTREE”, mostra collettiva di Omar Galliani, Michelangelo Galliani e Massimiliano Galliani a cura di Gian Ruggero Manzoni.


Oversize. Grandi capolavori dalle collezioni del CAMeC
Con la mostra "Oversize. Grandi capolavori dalle collezioni del CAMeC", il Centro Arte Moderna e Contemporanea della Spezia dedica un nuovo progetto espositivo alle sue collezioni permanenti. La mostra, a cura di Eleonora Acerbi, presenta una quarantina di lavori di grande formato, alcuni dei quali mai esposti prima. Inaugurazione: 12 ottobre 2019 ore 18.00, in occasione della XV Giornata del Contemporaneo promossa da AMACI.


MONDO INVISIBILE
Mostra personale di Vittorio Valente


Libri-Liberi
Giorgio Bevignani in mostra a Cesena



Art in World premia i vincitori del Premio D''''Annunzio

DECO MOBILI

DECO MOBILI STORE ONLINE

FESTIVAL DELLA VALLE D'ITRIA

  Art in World ® artinworld.com - arteinrete.net - menasinternete.lt - Artisti Contemporanei Internazionali | P.IVA 03108660733 | policy privacy