ITA | ENG | FRA | ESP| LIT | SUE | DEU
1264 Artisti presenti
 

ART IN WORLD

LOGIN UTENTI
Username

Password



dati smarriti?

SEI UN ARTISTA?
REGISTRATI E PUBBLICA LE TUE OPERE SU AIW


------------------

SEI UN GALLERISTA?
REGISTRA LA TUA GALLERIA


------------------

NEWS
GALLERIE
MUSEI
LINK UTILI
SITI SEGNALATI

PUBBLICA LE TUE NEWS

------------------
ART IN WORLD
INFO
SERVIZI
CONTATTI
NEWSLETTER
HELP ONLINE

------------------

CERCA NEL SITO



ART IN WORLD

Premio G. D’Annunzio

Art in World premia i vincitori del Premio D''''Annunzio

AIW INTERNATIONAL CONTEMPORARY ARTISTS

ART IN WORLD

ART IN WORLD - pittori ART IN WORLD - designer ART IN WORLD - scultori ART IN WORLD - decoratori ART IN WORLD - incisori ART IN WORLD - fotografi ART IN WORLD - gallerie ART IN WORLD - notizie
PITTORI DESIGNERS SCULTORI DECORATORI INCISORI FOTOGRAFI GALLERIE NEWS

HOME | AIW GALLERIA VIRTUALEAIW YEARBOOK - ANNUARIO 2010 | AIW RECENSIONI | CONCORSO AIW 2010

Luigi Maria de Rubeis E-MAIL ARTISTA (categoria: Pittori)
Top Level

I contenuti qui di seguito riportati, sono a cura esclusiva dell'artista

 
Bookmark and Share
OPERE
 
Bacio
Bacio
 
 
Donna
Donna
 
 
Occhi verdi
Occhi verdi
 
 
Attilio
Attilio
 
 
Donna in blu
Donna in blu
 
 
Architettura
Architettura
 
 
Bionda
Bionda
 
 
Labbra rosse
Labbra rosse
 
 
America
America
 
 
Rosa e azzurro
Rosa e azzurro
 

BIOGRAFIA:

Nato a Pescara. Diplomato presso l'Istituto Statale d'Arte di Chieti (CH). Ha frequentato l'Accademia di Belle Arti L'Aquila (AQ) con i maestri: Gino Marotta, Mario Ceroli, Carmelo Bene, Piero Sadun, Silvano Bussotti, ecc. Ha frequentato la facoltà di Architettura "G.d'Annunzio" Pescara/Chieti. E' stato docente di Decorazione Pittorica presso l' Istituto Statale d'Arte di Chieti e Lanciano, specializzato in "Decorazione e Stampa del Tessuto". E' Architetto libero professionista nel campo della ristrutturazione architettonica antica ed arredamento d'interni. Ha sempre dipinto e disegnato fin da bambino quando lo zio Angelo gli regalò una scatola di colori ad olio con relativi accessori.


RECENSIONI:

FRANCESCO MAZZIA: La pittura di De Rubeis è il frutto di una naturale vocazione avvertita in tutta la sua urgenza fantastica e tesa, al di là di effimere suggestioni, alla proposta di recupero del reale e del valore, naturalmente, del razionale. Tale motivo è evidenziato dalla prospettiva centrale nella quale recuperano le proprie dimensioni e i propri colori, o meglio la propria concretezza fenomenologica, l'umile pianticella dai fiori già dischiusi, il ramo oppure il comune raphanus satyrus o delle mele ecc... Tutto avviene attraverso il presupposto di un retroterra culturale con particolari rimandi al Rinascimento, senza alcuna indulgenza manieristica, e nell'intento di una duplice lezione: la ritrovata funzionalità dell'impianto costruttivo -linee e volumi- nell'eccezione di una temporalizzazione dello spazio e il necessario richiamo al reale. Tra le cose, ovvero la natura, e l'uomo v'è come una specie di velo di Maya o spesso una porta che impedisce l'istaurarsi di una consonanza di accenti di cui avverte, però, il bisogno sia esso indicato da immagini corpose ma vibranti oppure suggerito da evidenze addensate (un alitare di battiti d'ali nel tentativo di dischiudere il ) o ancora da contrasti di tenui e trasparenze quali dimensioni di uno spirito assente o assorto in possibili e vane contemplazioni di un mondo chiuso ed estraneo al reale, creato nel silenzio dietro le quinte scenografiche. Immagini che diventano similitudini di un mondo perduto di cui, però, conservano l'intenso fascino e la primigenia purezza nonché il fremito di un pulsante indimenticata esistenza. A volte, il disegno si risolve nella religiosa, attonita contemplazione del recupero reale di cui magari oggigiorno si è perduta la visione -come nella spiga dell'orzo- nell'orchestrazione di un portale quattrocentesco senza segno alcuno di afflato panteistico o richiamo estetizzante. Le linee architettoniche di cui è ricca la scena -pur nel suo equilibrio compositivo- non deviano lo sguardo verso ampie lontananze, ma lo concentrano sulla costante della sofferta tematica, la porta, che l'uomo si è da se stesso costruito per allontanarsi dal reale e quindi dalla naturale dimensione del suo essere. Per questo la pittura di De Rubeis ci sembra nella ricchezza dei suoi presupposti culturali e nella semplicità del suo generoso messaggio una proposta valida e l'inizio di un discorso da portare avanti. CORRADO MARZAN ... De Rubeis o della rigenerazione del dato o del movente pittorico. Ma anche De Rubeis o della duttilità di una perifrasi che irretisce l'immagine prescelta senza, peraltro, assediarla con stratagemmi da rivistina goliardica e senza metterla inutilmente alle strette...La pittura di De Rubeis ci invita a rientrare nei ranghi: è ineffabile e reiterata parola d'ordine di una pittura di (non di o di ); una forma che fissa l'immagine, che esalta nella sua polivalenza oggettiva e che poi finisce con l'inchiodarsi, al di là dei pur minuziosi riferimenti di gusto e di cultura, ad un significato avventante e inequivocabile. Il linguaggio, cioè, che alimenta e giustifica, l'affascinante ambiguità di gesto canzoniere dei paradossi e delle similitudini: il nulla reale e il nulla virtuale; l'immagine sospesa nel momento della decomposizione e, parallelamente, la materia che, per filtri sotterranei, si ricompone e si sublima nelle forme, appunto, altere e ammonitrici del simbolo rivelatore. JOHN PICCHIONE: Da una accurata documentazione fotografica parte De Rubeis, che ingloba nelle sue vaste tele, minuscole realtà naturali colte con consapevole lucidità ed autocritica (selezioniamo come esempio paradigmatico la presenza della macchina fotografica in una delle opere, che riporta a galla il problema della dipendenza dell'artista dal materiale esterno che lo circonda e la felicità puntigliosa che lo collega all'oggetto nella rappresentazione artistica) ... si presentano indubbie tendenze surreali, nella sospensione degli elementi prescelti in un vuoto metafisico, e nella trasognata testimonianza del colore, che pur non rifuggendo da una certa esigenza di illustrare problemi contemporanei (come quello dell'inquinamento e del disastro ecologico collegati alla civiltà industriale...) blocca le figure in un' ambigua teatralità di maschera.


MOSTRE:

- 1° Premio Internazionale Bassetti-Grazia, Milano- 1971 - 1° Premio Goliardico, Vasto (CH)- 1974 - Premio San Vito dei Normanni edizione 1974 - Mostra Personale Galleria Ponterosso, Pescara dal 16 al 28 febbraio 1974 - Mostra Personale Galleria Arte d'Oggi, Pescara 1975 - X Quadriennale Nazionale d'arte di Roma "La nuova Generazione" marzo-aprile 1975 - XXIX Premio Michetti Mostra Internazionale di Pittura -Francavilla al Mare- 1975 - The Dante Society, Toronto (Canada) - Mostra collettiva con D'Addazio, Di Bernardo, Di Fabrizio, Ercole, Falconi, Picini, Primavera , Spoltore. Dal 10 al 27 novembre 1975 - XXX Premio Michetti Mostra Internazionale di Pittura -Francavilla al Mare- 1976 - Palazzo della Provincia e Galleria Athorie, Kofu (Giappone). Mostra collettiva con D'Addazio, Del Greco, Di Fabrizio, Di Vincenzo, Ercole, Falconi, Fiducia, Primavera, Spoltore. Novembre 1976 - XXVII Rassegna Pittorica G.B.Salvi Sassoferrato 1977 - 1° Rassegna Nazionale de Sacro nell'Arte Contemporanea 1977 - 21° Premio Avezzano 1977 - 1° Premio Marsica, testi in catalogo di: Valerio Mariani, Virgilio Guzzi, Mons. Giovanni Falloni, Enrico Accatino, Giorgio Santoro: Avezzano 1978


 
 
Confidence
Opere di Fosco Grisendi


Marina Carboni
Sul mare, nel mare, attraverso il mare


Lanciotto Baldanzi
mostra personale


Lesley Foxcroft, Grazia Varisco
Arte Contemporanea a Villa Pisani


LANDSCAPE in mostra i paesaggi di Beggiao, Morgian e Tommasi
Continuano gli appuntamenti con l’arte nel borgo storico di Arquà Petrarca (Padova) a cura di Sonia Strukul


FRANCIS BACON. MUTAZIONI
La dimensione intima di uno degli artisti più discussi del Novecento


La fotografia dipinge: il Grand Tour di Andrea Samaritani
Il mito della bell’Italia rivive, dal 4 maggio al 23 novembre 2018, da BFMR & Partners, con la mostra “La fotografia dipinge: il Grand Tour di Andrea Samaritani”, a cura di Sandro Parmiggiani.



Art in World premia i vincitori del Premio D''''Annunzio

DECO MOBILI

DECO MOBILI STORE ONLINE

Fondazione Paolo Grassi

  Art in World ® artinworld.com - arteinrete.net - menasinternete.lt - Artisti Contemporanei Internazionali | P.IVA 03108660733 | policy privacy