ITA | ENG | FRA | ESP| LIT | SUE | DEU
1274 Artisti presenti
 

ART IN WORLD

LOGIN UTENTI
Username

Password



dati smarriti?

SEI UN ARTISTA?
REGISTRATI E PUBBLICA LE TUE OPERE SU AIW


------------------

SEI UN GALLERISTA?
REGISTRA LA TUA GALLERIA


------------------

NEWS
GALLERIE
MUSEI
LINK UTILI
SITI SEGNALATI

PUBBLICA LE TUE NEWS

------------------
ART IN WORLD
INFO
SERVIZI
CONTATTI
NEWSLETTER
HELP ONLINE

------------------

CERCA NEL SITO



ART IN WORLD

Premio G. D’Annunzio

Art in World premia i vincitori del Premio D''''Annunzio

AIW INTERNATIONAL CONTEMPORARY ARTISTS

ART IN WORLD

ART IN WORLD - pittori ART IN WORLD - designer ART IN WORLD - scultori ART IN WORLD - decoratori ART IN WORLD - incisori ART IN WORLD - fotografi ART IN WORLD - gallerie ART IN WORLD - notizie
PITTORI DESIGNERS SCULTORI DECORATORI INCISORI FOTOGRAFI GALLERIE NEWS

HOME | AIW GALLERIA VIRTUALEAIW YEARBOOK - ANNUARIO 2010 | AIW RECENSIONI | CONCORSO AIW 2010

 
NEWS ART IN WORLD MOSTRE E AVVENIMENTI D'ARTE IN ITALIA E ALL'ESTERO
LEGGI TUTTE LE NEWS SUGLI EVENTI IN CORSO | VAI ALL'ARCHIVIO STORICO DELLE NEWS | SEGNALA UN EVENTO

Bookmark and Share

Articolo pubblicato da: Massimiliano Bisazza

I 10 Mondi - personale di Bruno Biondi a cura di Massimiliano Bisazza

Mostra Istituzionale presso Spazio San Celso - Milano -


Comunicato Stampa
“I Dieci Mondi”
Mostra personale di pittura di:
Bruno Biondi
A cura di Massimiliano Bisazza
Opening: Martedì 28 maggio 2019 dalle h 18:30 alle h 22:00
In mostra fino al 18 Giugno 2019
Presso: Spazio San Celso – Corso Italia, 41 - Milano
Apertura al pubblico:
dalle h 15:00 alle h 19:00 dal Martedì al Venerdì
dalle 10:00 alle 19:00 il Sabato e la Domenica
Chiuso Lunedì
Il bianco e il nero sono le fondamenta della poetica di Bruno Biondi. Osservando questo ultimo progetto bicromatico si trova immediatamente un'intensa connessione poetica con il “Quadrato nero” di Malevic e con il suo pensiero Suprematista che tanto ha dato all'incipit dell'Avanguardia Russa e non solo.
“L'evocazione volta alla pura non-oggettività nel bianco vuoto di un nulla libero” (cit. Malevic) è insita nel quadrato nero di Malevic tanto quanto lo è nell'atto creativo del pittore Biondi. L'idea della trasformazione dell'artista nello zero della forma è la creazione di un nuovo realismo non-oggettivo.
L'atto di dipingere è dunque liberatorio ed è liberato dal concetto di estetica, va oltre; ponendo al centro della creatività l'atto pittorico in sé e la sensibilità che ne deriva in chi dipinge e da chi ne diventa poi fruitore. Biondi non si basa dunque sulla rappresentazione della realtà ma riconduce le sue opere all'essenza dell'arte che è dunque fine a se stessa. La fusione dei concetti verticali e dei campi, ossia delle superfici, è ormai un fattore evidente. In alcune opere possiamo notare come l'escavazione divenga bianca se si sofferma sul bianco e nera se sul nero è tracciata - come spiega l'artista stesso - e vice versa, in modo speculare. Ma il processo creativo non si ferma qui, è in evoluzione costante.
In quest'ottica ciò che un solo elemento: il colore, affiancato dal concetto di verticalità - che è l'emblema tipico dell'arte di questo artista - ci conducono così a voler riflettere sulla possibilità di elevazione interiore (in senso verticale appunto), verso la ricerca di una luce, di un'evocazione spirituale e taumaturgica che guardi alla purificazione dell'animo, dai trascorsi dolorosi; affrancandoci dalle sofferenze terrene. Allora ecco che il passato - artistico ma anche umano di Biondi - ritorna attraverso il ricordo. Il rimando alle opere del passato è di fronte a noi ed è inesorabile, incancellabile, in distruttibile.
Se nelle mostre passate la verticalità era accompagnata spesso dal gesto dell'escavatura nella tavola o nella tela da parte dall'artista, nell'intento di andare oltre, anche attraverso un atto liberatorio; adesso l'accento è posto più sulle matrici del bianco e nero e poi nella linea verticale, inserendo così una sintesi minimalista e approcciandosi in modo decisamente più maturo e sinteticamente diretto ai sensi e ai mondi emotivi interiori...
Osservando più a fondo la poetica e i quadri di questa nuova mostra meneghina noteremo che il soggetto è anche la ricerca materica, che è la vera genesi che permette ai concetti verticali la vita.
È da questa riflessione che nasce il progetto dei “dieci mondi”, dieci sensazioni scaurite da stati vitali che possono partire dai mondi più bassi sino a quelli più alti, cioè illuminati (Inferno, Avidità, Animalità, Collera, Umanità, Estasi, Studio, Illuminazione Parziale, Bodhisattva e infine Buddità) che lasciano emergere il loro mutuo possesso al contempo.
Il Sutra del Loto è un importante insegnamento Buddhista che espone il mutuo possesso dei dieci mondi (che sono contenibili l'uno nell'altro permettendo di conseguenza di illuminare anche i mondi più bassi) per rivelare che le persone comuni possono manifestare la propria Buddità così come sono, senza dover rinascere in un’altra forma o in un’altra terra. Il vero significato di percepire i dieci mondi dentro la propria mente consiste dunque nel manifestare il mondo di Buddità - cioè la parte illuminata di noi, il mondo più puro ed elevato - che esiste nella propria vita.
Osservando le opere dell'artista riesco a percepire l'esistenza di tutti i dieci mondi in ogni singola opera e non soltanto differeziando ogni singolo stato d'animo nel singolo quadro. Tutti i mondi spirituali sono in esso contenuti e si dipanano dai neri dell'inferno sino ai bianchi dell'illuminazione, passando nelle nostre menti grazie al segno dell'escavazione che evoca la ricerca interiore. La verticalità ci rammenta il mondo di studio e di ricerca e via dicendo... Ciò accade per ogni singolo mondo interiore, ponendosi come obiettivo il raggiungimento della vetta; incamminandoci sempre più verso l'altro, verso quella sensazione di equilibrio e di quiescenza che dallo stato di latenza vira verso un mero effetto manifesto di pace interiore a cui l'artista anela nel profondo del suo cuore. Allora non resta che sprofondare nell'ambientazione di un Ex Chiesa, come quella di San Celso a Milano, luogo che per antonomasia rimanda a quello che fu un tempo, cioè un luogo di preghiera, di raccoglimento, e che oggi sconsacrata ci permette di accogliere questa esposizione, artistica inquesto luogo artistico-istituzionale, che si collega così intimamente alla spiritualità di ognuno di noi e dell'artista. Notiamo il fondersi di una moltitudine di mondi interiori; che con con l'ausilio dell'arte ci aiutano a osservare l'idea di speranza; quella speranza che in un mondo pieno di violenza e di noncuranza è necessaria come causa di un futuro migliore e altruistico.
La mostra è patrocinata da:
-Municipio Uno
www.comune.milano.it/municipio1
-Comune di Milano
-Santuario di S.ta Maria dei Miracoli presso S.Celso (MI)
Per informazioni:
bisazza.briotti.arte@gmail.com


DOVE: Spazio San Celso - Corso Italia, 41, Milano

QUANDO: dal 28/5/2019 inaugurazione ore 18 30, in mostra sino al 18/6 negli orari specificati nel comunicato stampa

INFO: Mostra Patrocinata da Municipio Uno , dal Comune di Milano e da San Celso

EMAIL: bisazza.briotti.arte@gmail.com

Arteam Cup 2019
Sono aperte le iscrizioni al premio d'arte contemporanea Arteam Cup 2019. La mostra finale di questa edizione si terrà in Liguria, a Sanremo (IM), a Villa Nobel, dal 14 settembre al 27 ottobre 2019. Deadline iscrizioni: 15 luglio 2019.


Andrea Mariconti - Oltre L'Interferenza
a cura di Maria Grazia Melandri e Antonella Liguori


Alessandro Scarabello a Castiglione del Lago con la mostra Uppercrust
Presenta Opera Rubra, progetto site specific per Palazzo della Corgna


In / Natura
Opere di Rodolfo Liprandi ed Ersilia Sarrecchia


Mostra di pittura di Fernando Pietròpoli a Garda
Fernando Pietròpoli, ovvero, la fruizione dei contrari


MATERIALS - Mostra personale di Gianpiero Castiglioni
Mostra personale di Gianpiero Castiglioni


Artexpo Summer Rome 2019
rassegna artistica internazionale a Roma


Transiti
Opere di Gianni Asdrubali, Davide Benati, Max Bi, Dario Brevi, Ezio Bruno Caraceni, Amanda Chiarucci, Antonio Ciarallo, Paolo Conti, Marcello De Angelis, Erk14, Feofeo, Reale Franco Frangi, Theo Gallino, Riccardo Gusmaroli, Mimmo Iacopino, Pietro Iori, Giovanni Lombardini, Umberto Mariani, Sandro Martini, Juan Eugenio Ochoa, Josè Demetrio Peña, Fernando Picenni, Graziano Pompili, Marco Nereo Rotelli, Shinya Sakurai, Arjan Shehaj, Mario Surbone, Telo, Teso, Jorrit Tornquist, Caterina Tosoni


Luigi Menozzi. Intrepidi intrecci
Arte e natura si danno la mano nelle fotografie di Luigi Menozzi, esposte dal 10 maggio al 22 novembre 2019 negli spazi di BFMR & Partners a Reggio Emilia. Curata da Sandro Parmiggiani, la mostra è inserita nel circuito Off di “Fotografia Europea”.



Art in World premia i vincitori del Premio D''''Annunzio

DECO MOBILI

DECO MOBILI STORE ONLINE

FESTIVAL DELLA VALLE D'ITRIA

  Art in World ® artinworld.com - arteinrete.net - menasinternete.lt - Artisti Contemporanei Internazionali | P.IVA 03108660733 | policy privacy