ITA | ENG | FRA | ESP| LIT | SUE | DEU
1276 Artisti presenti
 

ART IN WORLD

LOGIN UTENTI
Username

Password



dati smarriti?

SEI UN ARTISTA?
REGISTRATI E PUBBLICA LE TUE OPERE SU AIW


------------------

SEI UN GALLERISTA?
REGISTRA LA TUA GALLERIA


------------------

NEWS
GALLERIE
MUSEI
LINK UTILI
SITI SEGNALATI

PUBBLICA LE TUE NEWS

------------------
ART IN WORLD
INFO
SERVIZI
CONTATTI
NEWSLETTER
HELP ONLINE

------------------

CERCA NEL SITO



ART IN WORLD

Premio G. D’Annunzio

Art in World premia i vincitori del Premio D''''Annunzio

AIW INTERNATIONAL CONTEMPORARY ARTISTS

ART IN WORLD

ART IN WORLD - pittori ART IN WORLD - designer ART IN WORLD - scultori ART IN WORLD - decoratori ART IN WORLD - incisori ART IN WORLD - fotografi ART IN WORLD - gallerie ART IN WORLD - notizie
PITTORI DESIGNERS SCULTORI DECORATORI INCISORI FOTOGRAFI GALLERIE NEWS

HOME | AIW GALLERIA VIRTUALEAIW YEARBOOK - ANNUARIO 2010 | AIW RECENSIONI | CONCORSO AIW 2010

 
NEWS ART IN WORLD MOSTRE E AVVENIMENTI D'ARTE IN ITALIA E ALL'ESTERO
LEGGI TUTTE LE NEWS SUGLI EVENTI IN CORSO | VAI ALL'ARCHIVIO STORICO DELLE NEWS | SEGNALA UN EVENTO

Bookmark and Share

Articolo pubblicato da: Chiara Serri

Enrico Magnani, Searching the Unknown

The Dark Matter Collection


Arte e scienza al CERN di Ginevra con “Searching the Unknown”, mostra personale di Enrico Magnani, a cura di Marilena Streit-Bianchi.
L’esposizione, promossa da CERN Staff Association du Personnel con il supporto di Kaiti expansion, sarà allestita dal 16 al 26 luglio 2019 all’interno del Main Building. In mostra, una ventina di dipinti appartenenti a “The Dark Matter Collection” (2018-19), inedita serie pittorica che si ispira alla “Materia Oscura”, interpretando in maniera artistica il mistero che circonda uno dei temi più attuali e affascinanti della ricerca scientifica.
«Partendo dalle tecniche usate per la collezione “Supernova” – spiega l’artista – la mia idea è stata quella di aggiungere il pigmento fosforescente, ovvero colori che alla luce non vedi, ma cogli solo al buio. Questo implica il fatto che guardando l’opera d’arte in certe condizioni hai l’impressione di averla colta completamente, ma cambiando le condizioni, spegnendo la luce, vedi qualcosa di nuovo di cui non avevi idea. Ho trovato l’analogia con la “Materia Oscura” molto pertinente: la materia è presente (nell’opera), ma non la vedi. Anche noi siamo circondati dalla “Materia Oscura”, ma non la vediamo: toccherà alla scienza trovare lo strumento che ci permetterà di individuarla utilizzando un modo nuovo di guardare il mondo».
«Magnani – conclude Valerio Dehò – lavora sull’immaginario scientifico, la sua “Materia Oscura” appartiene a come l’uomo vede il cosmo, a come ne cerca i segreti. È l’anima che guarda; le ricorrenze e le similarità, studiate a lungo da uno scienziato e critico d’arte indimenticato come Giorgio Celli, rafforzano l’antica idea che l’universo sia un’opera d’arte».
Per la realizzazione della serie “Supernova”, Magnani sfrutta gli effetti della fluido-dinamica senza toccare l’opera con le mani, con i pennelli o con altri strumenti; ogni fase della creazione avviene a distanza. Il pannello multistrato di carta e alluminio giace sommerso orizzontalmente sotto un velo d’acqua. Operando dal centro e sfruttando la forza centrifuga, getti di acqua e aria muovono i pigmenti lasciati precedentemente cadere dall’artista sul supporto. Questa originale tecnica si ispira e tenta di riprodurre, con tutti i limiti del caso, la dinamica dell’esplosione stellare; prova ne è il fatto che le opere così realizzate sono molto simili alle immagini che catturiamo attraverso i grandi telescopi. “The Dark Matter Collection” contiene, in più, uno sfondo creato con pigmento fosforescente che al buio emette luce verde, luce che filtra attraverso le forme generate dal pigmento tradizionale, producendo così, a livello ottico, una nuova opera d’arte completamente diversa dalla precedente.
Dopo un viaggio eclettico che lo ha visto per anni come ricercatore scientifico in fusione nucleare, Enrico Magnani ha scelto di dedicarsi completamente all’arte, esponendo in Europa e negli Stati Uniti. A distanza di anni, fa ora ritorno al mondo della scienza, arricchito di un bagaglio che è quello dell’arte, della creatività e di una certa libertà.
Nell’ottica di sviluppare e promuovere l’interazione sinergica tra il mondo dell’arte e il mondo della scienza per una nuova visione e comprensione della realtà, giovedì 18 luglio, alle ore 15.30, presso la CERN Council Room, si terrà la conferenza “Searching the Unknown with Art & Science” con interventi di Monica Bello (Art at CERN), Michael Hoch (Art@CMS), Enrico Magnani e Domenico Vicinanza. Il pomeriggio terminerà con una visita guidata alla mostra di Enrico Magnani ed un jamming interattivo con Domenico Vicinanza.
La mostra sarà accompagnata da un catalogo (Kaiti espansion Editore, 2019) che, oltre alle riproduzioni delle opere esposte, raccoglierà i testi di autorevoli critici d’arte, filosofi e scienziati impegnati nelle ricerche che vanno dalla fisica delle particelle fino alla cosmologia: Luis Alvarez Gaumé, Amedeo Balbi, Tiziano Camporesi, Luisa Cifarelli, Valerio Dehò, Michela Massimi, Marilena Streit-Bianchi, Licia Verde ed Enrico Magnani.
La partecipazione alla conferenza e la visita alla mostra saranno gratuite previa registrazione presso CERN Staff Association du Personnel (staff.association@cern.ch). Per informazioni sul CERN: https://home.cern/. Per approfondimenti sul lavoro di Enrico Magnani: www.enricomagnani-art.com.


DOVE: CERN (European Organization for Nuclear Research)

QUANDO: Ingresso gratuito previa registrazione (staff.association@cern.ch)

INFO: Meyrin, Ginevra

EMAIL: staff.association@cern.ch

URL: https://home.cern/

ULTRACERAMICA
La ceramica delle Regioni del SUD tra design e tradizione


Nicoletta Moncalieri. Enigmi e voluttà
Lo studio di BFMR & Partners Dottori Commercialisti e Revisori Legali di Reggio Emilia ospita, dal 6 dicembre 2019 al 10 aprile 2020, la mostra di Nicoletta Moncalieri "Enigmi e voluttà". La personale, a cura di Sandro Parmiggiani, corona le nozze d'argento tra BFMR & Partners e l’arte contemporanea. Inaugurazione: venerdì 6 dicembre 2019, ore 19.00


Sissi
Vestimenti


Margherita Moscardini
In the light of


Da Bertelli a Guidi
Vent’anni di mostre dell’Associazione Bologna per le Arti


Antonio Caputo, Giorgio Ferretti, Michael Peddio - Chronos
La Galleria Reggio Arte ReArt presenta “Chronos” mostra collettiva a cura di Giuseppe Berti, con opere di Antonio Caputo, Giorgio Ferretti, Michael Peddio. I tre artisti affrontano il tema del tempo, tra epifanie, visioni, rimandi mitologici e riflessioni sulla caducità della vita. Inaugurazione: sabato 30 novembre alle ore 17.30.


Michelangelo Penso. Dimensioni infinite
Le "Dimensioni infinite" di Michelangelo Penso in mostra, dal 30 novembre al 22 marzo 2020, al CAMeC della Spezia. Con la personale dedicata all'artista veneziano, il Centro Arte Moderna e Contemporanea riprende una sua fondamentale mission: accogliere, segnalare e studiare le principali espressioni artistiche del presente. Inaugurazione: venerdì 29 novembre, ore 18.00.


PREMIO LEONARDO DA VINCI
Premio internazionale Life Beyond Tourism per promuovere e valorizzare il Genius Loci



Art in World premia i vincitori del Premio D''''Annunzio

DECO MOBILI

DECO MOBILI STORE ONLINE

Fondazione Paolo Grassi

  Art in World ® artinworld.com - arteinrete.net - menasinternete.lt - Artisti Contemporanei Internazionali | P.IVA 03108660733 | policy privacy