ITA | ENG | FRA | ESP| LIT | SUE | DEU
1272 Artisti presenti
 

ART IN WORLD

LOGIN UTENTI
Username

Password



dati smarriti?

SEI UN ARTISTA?
REGISTRATI E PUBBLICA LE TUE OPERE SU AIW


------------------

SEI UN GALLERISTA?
REGISTRA LA TUA GALLERIA


------------------

NEWS
GALLERIE
MUSEI
LINK UTILI
SITI SEGNALATI

PUBBLICA LE TUE NEWS

------------------
ART IN WORLD
INFO
SERVIZI
CONTATTI
NEWSLETTER
HELP ONLINE

------------------

CERCA NEL SITO



ART IN WORLD

Premio G. D’Annunzio

Art in World premia i vincitori del Premio D''''Annunzio

AIW INTERNATIONAL CONTEMPORARY ARTISTS

ART IN WORLD

ART IN WORLD - pittori ART IN WORLD - designer ART IN WORLD - scultori ART IN WORLD - decoratori ART IN WORLD - incisori ART IN WORLD - fotografi ART IN WORLD - gallerie ART IN WORLD - notizie
PITTORI DESIGNERS SCULTORI DECORATORI INCISORI FOTOGRAFI GALLERIE NEWS

HOME | AIW GALLERIA VIRTUALEAIW YEARBOOK - ANNUARIO 2010 | AIW RECENSIONI | CONCORSO AIW 2010

 
NEWS ART IN WORLD MOSTRE E AVVENIMENTI D'ARTE IN ITALIA E ALL'ESTERO
LEGGI TUTTE LE NEWS SUGLI EVENTI IN CORSO | VAI ALL'ARCHIVIO STORICO DELLE NEWS | SEGNALA UN EVENTO

Bookmark and Share

Articolo pubblicato da: Elisa Mallegni

Il Museo AMO inaugura una nuova sala dedicata alla grande Maria Callas

Nuovi materiali in esposizione appartenenti al celebre soprano, donna dalla vita appassionata ormai diva immortale


A due anni dalla sua inaugurazione AMO Arena Museo Opera, il museo della Fondazione Arena di Verona, si arricchisce di nuove e importanti opere per rendere omaggio a una grandissima artista di fama internazionale: Maria Callas. Il suo forte legame con la città di Verona, e ovviamente con l’Arena, ha fatto sì che proprio nel museo AMO fosse allestita un’intera sala dedicata alla celebre diva, talento immortale incarnato nell’arte lirica.

In esposizione è possibile ammirare: documenti originali, lettere e appunti di vita quotidiana e professionale, oggetti personali e ancora abiti da sera in pieno stile anni ’50, tutti appartenenti al famoso soprano. I materiali sono stati selezionati con l’obiettivo di mettere in risalto la vita e la carriera dell’artista nel periodo che trascorse nelle città di Zevio e Verona e quindi in relazione all’Arena. Il materiale è stato dato in gentile concessione dal Comune di Zevio, dall’Accademia Lirico Interpretativa Maria Callas di Zevio e dal Maria Callas International Archive.

«Abito a Verona, città piena di fascino e di meravigliosi monumenti d’arte, in Via Leoncino 14, all’ultimo piano tipo “penthouse”, fra le glorie luminosissime della città romana, nell’azzurro più intenso, a respirare l’aria più pura, vicino all’Arena che ha visto il mio debutto in Gioconda nel 1947» racconta la stessa Maria Callas in una sua presentazione personale, a mò di curriculum vitae, realizzata in occasione della prima della Norma nel 1952 a Convent Garden e oggi visibile al Museo AMO.

Fu il tenore Giovanni Zenatello, padre fondatore del Festival lirico areniano, a scoprirla e a scritturarla nel 1947 per la Gioconda di Ponchielli, il suo debutto all’Arena di Verona, dove conobbe l’industriale Giovanni Battista Meneghini che si offrì di diventare suo manager. Si dimostrarono una coppia vincente non solo nel lavoro ma anche nella vita. Si sposarono proprio a Verona il 21 aprile del 1949 nella Chiesa dei Padri Filippini e oggi al Museo AMO viene custodita la copia dell’atto di matrimonio. Maria Callas trascorse tra Verona e Zevio gli anni più sereni e fortunati della sua vita. Si esibì in Arena per cinque stagioni dal 1947 al 1954.

Lo spazio dedicato alla grande diva si inserisce all’interno dell’esposizione permanente Dall’Idea alla Scena ospitata presso il piano nobile di Palazzo Forti, dove il visitatore ha la possibilità di scoprire l’affascinante processo creativo della messa in scena di un’opera. La mostra contribuisce alla valorizzazione e alla divulgazione della cultura operistica italiana con l’esposizione di documenti originali: partiture autografe, lettere, appunti dei grandi compositori e ancora costumi, scenografie, bozzetti e fotografie, mostrate anche grazie all’utilizzo di tecniche multimediali e interattive.

Proprio in questa sala e grazie al supporto delle nuove tecnologie, è possibile ascoltare la registrazione dell’aria Un bel dì vedremo tratta da Madama Butterfly ed eseguita dalla grande Maria Callas nel 1955. La stessa registrazione è sincronizzata sulla partitura autografa pucciniana digitalizzata e può essere inoltre apprezzata in relazione alle diverse interpretazioni di altre due soprano, Renata Tebaldi e Carolina White, cogliendo differenze di stile, di estensione vocale e timbriche.


DOVE: AMO Arena Museo Opera

QUANDO: 26 settembre 2014

EMAIL: info@arenamuseopera.com

URL: http://www.arenamuseopera.com



DOWNLOAD ALLEGATO
 
I segni di Montecchio Emilia
È stato presentato sabato 18 maggio 2019 il progetto creato dall’artista Massimiliano Galliani per MO-EL, l’azienda di Montecchio Emilia attiva nel settore industriale della tecnologia ecologica, a cui il Comune ha affidato l’abbellimento, la manutenzione e la cura della rotatoria sulla tangenziale a sud del paese, all’intersezione con via Galvani.


Luca Bellandi "This-Incanto"
a cura di Maria Grazia Melandri e Antonella Liguori


Nel segno di Antonio Ligabue
"Nel segno di Antonio Ligabue", la galleria Phidias Antiques presenta, dal 18 maggio al 15 giugno 2019, nella propria sede di Reggio Emilia, una retrospettiva dedicata al grande artista emiliano, celebrato nel 2019 dal Museum im Lagerhaus di San Gallo e dal film di Giorgio Diritti. Inaugurazione: sabato 18 maggio, ore 18.00.


Luigi Menozzi. Intrepidi intrecci
Arte e natura si danno la mano nelle fotografie di Luigi Menozzi, esposte dal 10 maggio al 22 novembre 2019 negli spazi di BFMR & Partners a Reggio Emilia. Curata da Sandro Parmiggiani, la mostra è inserita nel circuito Off di “Fotografia Europea”.


Tre Lune
Mostra collettiva con opere di Barbara Nicoletto, Alessandra Binini, Barbara Giavelli che affrontano il tema del sogno, della visione e dell’onirico.


6 STORIE D'ARTE
Sei artisti, sei storie che il linguaggio dell’arte unisce in un unico racconto e apre a nuove prospettive


Alfredo Serri
a Galleria Open Art di Prato ospita la mostra di Alfredo Serri, un maestro colto e discreto nella Firenze del dopoguerra.



Art in World premia i vincitori del Premio D''''Annunzio

DECO MOBILI

DECO MOBILI STORE ONLINE

Fondazione Paolo Grassi

  Art in World ® artinworld.com - arteinrete.net - menasinternete.lt - Artisti Contemporanei Internazionali | P.IVA 03108660733 | policy privacy