ITA | ENG | FRA | ESP| LIT | SUE | DEU
1281 Artisti presenti
 

ART IN WORLD

LOGIN UTENTI
Username

Password



dati smarriti?

SEI UN ARTISTA?
REGISTRATI E PUBBLICA LE TUE OPERE SU AIW


------------------

SEI UN GALLERISTA?
REGISTRA LA TUA GALLERIA


------------------

NEWS
GALLERIE
MUSEI
LINK UTILI
SITI SEGNALATI

PUBBLICA LE TUE NEWS

------------------
ART IN WORLD
INFO
SERVIZI
CONTATTI
NEWSLETTER
HELP ONLINE

------------------

CERCA NEL SITO



ART IN WORLD

Premio G. D’Annunzio

Art in World premia i vincitori del Premio D''''Annunzio

AIW INTERNATIONAL CONTEMPORARY ARTISTS

ART IN WORLD

ART IN WORLD - pittori ART IN WORLD - designer ART IN WORLD - scultori ART IN WORLD - decoratori ART IN WORLD - incisori ART IN WORLD - fotografi ART IN WORLD - gallerie ART IN WORLD - notizie
PITTORI DESIGNERS SCULTORI DECORATORI INCISORI FOTOGRAFI GALLERIE NEWS

HOME | AIW GALLERIA VIRTUALEAIW YEARBOOK - ANNUARIO 2010 | AIW RECENSIONI | CONCORSO AIW 2010

Vincenzo Del Duca E-MAIL ARTISTA (categoria: Pittori)
Top Level

I contenuti qui di seguito riportati, sono a cura esclusiva dell'artista

 
Bookmark and Share
OPERE
 
La casa dell'operaio
La casa dell'operaio
 
 
La valle dell'eden
La valle dell'eden
 
 
Alba rossa
Alba rossa
 
 
Giovane tra lupi
Giovane tra lupi
 
 
Inizio Autunno
Inizio Autunno
 
 
Spiaggia verde
Spiaggia verde
 
 
Calice in fiore
Calice in fiore
 
 
Alberi e collina radiosa
Alberi e collina radiosa
 

BIOGRAFIA:

Vincenzo Del Duca è artista che predilige rappresentare i moti dell'animo umano attraverso la descrizione di una natura permeata d'intensità tragica. Il Del Duca è abile nel descrivere i tumulti delle emozioni e dei sentimenti più profondi e veri, che rendono unica la nostra vita e ci inducono a rapportarci ad essa con impeto riflessivo e lo fa "umanizzando" per così dire il paesaggio, gli elementi naturali, rendendoli cioè vivi e carichi emotivamente.Questo moto interiore ha in Del Duca una forte influenza sull'intero processo creativo, che si realizza proprio attraverso un'intensa e personalissima reinterpretazione pittorica della realtà, con particolare predilezione per l'elemento naturale e paesaggistico che acquista una valenza simbolica forte e densa di rimandi psicologici. Opere come "Vortice" rappresentano al meglio la sintesi estrema di questa singolare "poetica" pittorica: il dipinto, suddiviso in tre intensi piani di rappresentazione spaziale, esprime concettualmente il complesso universo emotivo che caratterizza la vita dell'uomo, protesa tra passato, presente e futuro in un vero e proprio "vortice" emozionale, che l'artista rappresenta con una marca stilistica originale ed animata, basata su linee concentriche sottoposte a forze centripete in contrapposizione a tratti che al contrario sembrano trascinati via da un vento cosmico, che li solleva attraverso abili giochi di movimenti centrifughi. Così, la vita e la sua evoluzione psico-emotiva, vengono intensamente rappresentate nei dipinti di Vincenzo Del Duca, attraverso una tavolozza calda e mediterranea. L'attaccamento per la terra del Cilento, con le sue dolci, assolate colline degradanti verso il mare, permea numerose opere come lo splendido dipinto ad olio " Alba rossa" o "Paesaggio del sud", rievocando una dimensione di universale, primigenia conciliazione con il mare e la terra, in forza di un legame arcaico, dal sapore forte che ha del mitico e religioso insieme. Una natura, la cui forza ed energia ha ispirato l'artista a tal punto da consegnarli la volontà di trascendere dal dato oggettivo della rappresentazione figurativa. Così la pittura del Del Duca rivela un incisivo potere simbolico, e si fa arte del sentire, del percepire attraverso i sensi, i moti dell'animo umano.Mutuando il concetto di volontà come cieco ed irresistibile impeto che tanto fu caro al filosofo Schopenauer, il Del Duca rappresenta con le sue opere proprio quell'impulso irrazionale e viscerale che sembra regnare in tutti gli esseri viventi e lo racconta, dipingendolo attraverso il forte e caotico dinamismo delle forme e il vivace cromatismo, spesso anche attraverso commistioni di tecniche ed esiti di tipo materico. L'arte di Vincenzo Del Duca è dunque arte della volontà, di una volontà irrazionale e cieca che difende il senso della vita, al di là e al di sopra di ogni accadimento; volontà immanente nella natura, segno della forza e dell'energia che spinge l'uomo a desiderare, agire, lottare, soffrire; situata fuori dallo spazio e dal tempo, in un "caos vitale" che rigenera e si rigenera, giorno, dopo giorno…Katia Girini Nato: il 21/01/1951 Poderia (Sa) 1976 si trasferisce a Carmagnola (To) dove attualmente vive e lavora Tecnica: Pastello - Olio - Tecnica mista E mail: selvaggio82006@libero.it http://www..myspace.com/delducavincenzo http://www.vincenzodelduca.beepworld.it Sue opere sono disponibili presso la gallerie d’Arte:“Saletta Celeghini”, via Valobra, 141 – Carmagnola (TO)


RECENSIONI:

L’arte autentica di Vincenzo Del Duca Paesaggi riscoperti e reinterpretati attraverso un intenso impeto segnico e una sorprendentemente vivace tavolozza cromatica. Così, Vincenzo Del Duca concepisce e realizza opere di piacevolissima ed originale composizione iconografica. Al centro della poetica di Del Duca, in qualità di musa ispiratrice e di privilegiato soggetto da ritrarre e “scomporre” nella sua quintessenza originaria e archetipica c’è la natura ed il suo arcaico potere simbolico e magico. Emblema della vita stessa che appare perlopiù scandita da un tempo interiore capace di mutare finanche la realtà stessa di uno spazio, di un luogo. La natura è ciò a cui Vincenzo Del Duca dedica la sua arte, capace di prendere forma e di “tingersi” di palpitanti colori filtrati dalla mente di volta, in volta, in un processo di generazione di senso che procede per evocazioni e richiami spesso autentici desunti dalla realtà dei luoghi rappresentati. In questo modo i paesaggi di Del Duca sono luoghi che si trasformano in spazi emblematici di lontana memoria, a cui alludere di essere stati o sognare di voler ritornare. Un viaggio dentro e fuori dal sé, in cui l’artista rievoca intensamente la propria esperienza ed il proprio vissuto e riesce magistralmente a trasferirla sulla tela, dopo un tormentato processo di ricodifica e di rivisitazione della realtà da raffigurare, che nasce certamente dal profondo, dall’inconscio dell’artista e che si alimenta di un’innata e superba arte dell’introspezione, in grado di filtrare ogni accadimento e ogni cosa e di “magnificarla” in virtù di un processo di continua elaborazione e analisi interiore, che rappresenta l’anima profondamente meditativa e trasformatrice della realtà dell’artista. Così, il paesaggio delle aspre e volitive colline del Cilento di infantile e adolescenziale memoria diventa una serie concentrica di spazi delimitati che ricordano le acerbe venature di un tronco d’ulivo, cui l’artista offre una complessa rappresentazione attraverso una tessitura compositiva e cromatica propria ed originalissima, fino a raggiungere esiti antifigurativi di apprezzabile unicità e valore espressivo. Quasi a voler rappresentare un “non luogo”, Vincenzo Del Duca reinterpreta il reale ed i suoi elementi secondo processi scompositivi di matrice espressionistica che originano differenti livelli di significazione e di possibile lettura dell’opera. La pittura di Vincenzo Del Duca esprime dunque una carica emotiva di cui l’artista ravvisa e conosce tutte le potenzialità espressive e le fa sue, padroneggiandole sin dai primi segni sulla tela, quasi a voler “incidere” lo spazio attraverso gesti segnici che talvolta delimitano e tal altra sembrano, al contrario, voler espandere la superficie pittorica ben aldilà e al di fuori della finitezza e compiutezza del quadro. Un vero e proprio “caos” di primigenie emozioni che trapela in ogni opera e la rende sorprendentemente “vera” ed al contempo “fuori dal tempo” e dal determinismo della rappresentazione oggettiva del reale. Il figurativo è pertanto rivisto in chiave simbolica ed espressionista, secondo una tecnica altamente caratterizzante. Le opere di Vincenzo Del Duca sono quindi sempre estremamente riconoscibili, perché intimamente legate, connesse all’artista e al suo vissuto emotivo. Occhi esperti e meno esperti riescono così immediatamente ad attribuirne l’autore, segno questo di una coerenza stilistica eccelsa. Questa è da sempre una caratteristica che solo i veri artisti possiedono e di cui Vincenzo Del Duca può fregiarsi di possedere. Capaci cioè di essere riconosciuti ed apprezzati oltre ogni critica, anche attraverso cambiamenti di stile e di gusto, perché la loro arte è per l’appunto innanzitutto autentica. Katia Girini


MOSTRE:

2010 Iinternazionale Italia Arte -Villa Gualino Torino


 
 
Indizi contemporanei
Opere di Marco Casentini, Fabrizio Corneli, Federico Ferrarini, Emanuela Fiorelli, Paola Pezzi, Alex Pinna, Paolo Radi, Paolo Scirpa


Dx PEACE SX
Paolo Barichello a Palazzo Bricherasio


Pieno, vuoto. Divergenze consonanti
Opere di Marco Gastini, Giorgio Griffa e Nunzio


Con "La notte" di Renzo Fortin tornano le mostre d'arte alla Pescheria Vecchia di Este
In esposizione i paesaggi simbolisti dell'artista Renzo Fortin, pittore poeta e liutaio


7 STORIE D'ARTE
Sette artisti, sette storie che il linguaggio dell’arte unisce in un unico racconto


Contraria sunt complementa
da settembre a Vicenza due personali dell’artista Carla Rigato


6 STORIE D'ARTE
Sei artisti, sei storie che il linguaggio dell’arte unisce in un unico racconto e apre a nuove prospettive



Art in World premia i vincitori del Premio D''''Annunzio

SAPORI DALL''ITALIA

ESSERE O NON ESSERE ONLINE

FESTIVAL DELLA VALLE D'ITRIA

  Art in World ® artinworld.com - arteinrete.net - menasinternete.lt - Artisti Contemporanei Internazionali | P.IVA 03108660733 | policy privacy