ITA | ENG | FRA | ESP| LIT | SUE | DEU
1268 Artisti presenti
 

ART IN WORLD

LOGIN UTENTI
Username

Password



dati smarriti?

SEI UN ARTISTA?
REGISTRATI E PUBBLICA LE TUE OPERE SU AIW


------------------

SEI UN GALLERISTA?
REGISTRA LA TUA GALLERIA


------------------

NEWS
GALLERIE
MUSEI
LINK UTILI
SITI SEGNALATI

PUBBLICA LE TUE NEWS

------------------
ART IN WORLD
INFO
SERVIZI
CONTATTI
NEWSLETTER
HELP ONLINE

------------------

CERCA NEL SITO



ART IN WORLD

Premio G. D’Annunzio

Art in World premia i vincitori del Premio D''''Annunzio

AIW INTERNATIONAL CONTEMPORARY ARTISTS

ART IN WORLD

ART IN WORLD - pittori ART IN WORLD - designer ART IN WORLD - scultori ART IN WORLD - decoratori ART IN WORLD - incisori ART IN WORLD - fotografi ART IN WORLD - gallerie ART IN WORLD - notizie
PITTORI DESIGNERS SCULTORI DECORATORI INCISORI FOTOGRAFI GALLERIE NEWS

HOME | AIW GALLERIA VIRTUALEAIW YEARBOOK - ANNUARIO 2010 | AIW RECENSIONI | CONCORSO AIW 2010

 
NEWS ART IN WORLD MOSTRE E AVVENIMENTI D'ARTE IN ITALIA E ALL'ESTERO
LEGGI TUTTE LE NEWS SUGLI EVENTI IN CORSO | VAI ALL'ARCHIVIO STORICO DELLE NEWS | SEGNALA UN EVENTO

Bookmark and Share

Articolo pubblicato da: Patrick Caputo

Metamorphoseon (Aurum et Argentum)

Personale di Enrico Carpegna


"omnia mutantur, nihil interit" (Ovidio, Metamorfosi, XV Libro, verso n.165).
Il lavoro di Enrico Carpegna si snoda su direttrici diverse, con dissimilitudini a volte marcate, per
abbracciare temi come la memoria storica, la natura nelle sue componenti zoologiche e vegetali,
la figura umana nel suo continuo rappresentare la vita, l’acqua, mutabile per definizione, per non
citarne che alcuni, e mi sono spesso chiesto incontrandolo, ma, soprattutto, confrontandomi con le
sue opere, quale sia il motivo conduttore della sua visione del mondo, della sua visione della
fotografia stessa e, conseguentemente, del suo fare fotografia.
Non è facile dare una risposta univoca. Probabilmente non c’è una risposta univoca. E una
risposta univoca sicuramente non c’è mai, segnatamente per chi la vita la vede scorrere ed
articolarsi in un continuum su piani e prospettive diverse che si avvicinano, si intersecano, si
allontanano e forse danno una percezione di realtà a cose, immagini, situazioni. Di qui l’esigenza
di trovare un senso a tutto ciò, di offrire delle chiavi di lettura attraverso un medium, la fotografia,
che nel caso di Enrico è sostenuta da una lunga e solida pratica professionale. Una ricerca
rigorosa, a volte estenuante. Stabilire quale sia lo scatto definitivo o lo stato definitivo di
un’immagine è per lui spesso motivo di apprensione, non tanto perché l’approccio al mezzo con la
raffinatezza che gli è propria, gli crei problemi tecnici od espressivi, ma perché, usando un bisticcio
di parole, nello scatto o nello stato successivo c’è una verità più vera, una definizione più definita.
Un perfezionismo quindi non fine a sé stesso, ma finalizzato al conseguimento di significati più
reconditi, allo svelamento di ciò che non appare ai più od appare sotto la coltre dell’ovvio e del
banale od appare anche e attraverso o grazie all’occhio fotografico, con i suoi codici, settaggi e
convenzioni, qui volti e spesso felicemente piegati al conseguimento dello scopo.
Ricerca, quindi, continua. Un occhio indagatore incessantemente aperto sulla realtà con un
approccio naturalistico volto a registrare mutamenti, metamorfosi, variazioni di stato, cambiamenti
di luce, di posizionamento, di orientamento, di apprezzamento. Solo così si spiegano immagini,
come quelle proposte qui in mostra, di banali tuberi sottratti al mondo vegetale, lasciati al loro
divenire e colti infine dal fotografo in uno stato che li fa assomigliare a pepite preziose,
trasfigurandone senso e significato pur lasciandoli integri nella loro essenza. L’oro, l’argento e la
preziosità intorno a noi che non tutti eravamo in grado di vedere! E la stessa cosa si può dire di
arbusti, foglie, ortaggi, rami colti in prospettive di luce od avulsi da un particolare contesto per farne
sculture o disegni che sanno di un elegante minimalismo zen o talora si trasformano in preziosi
orditi intricati.
Eleganza, ovviamente, l’altra chiave di lettura della fotografia di Enrico Carpegna. Non
un’eleganza, formale, vuota e fine a sé stessa. Certamente il portato di un grande bagaglio tecnico
e una fotografia che sa raccordarsi con i grandi fotografi che l’hanno preceduto nel suo percorso
di ricerca, da Frantisek Drtikol (e comunque una certa fotografia di afflato mitteleuropeo) a Irving
Penn a Nobuyoshi Araki . Ma un’eleganza che nasce dall’interrelazione attenta tra il fotografo ed il
soggetto indagato, sia esso una foglia, una spiaggia, un corpo umano, sempre posto in una luce e
colto in un momento di grande tensione espressiva.
Certo, tutto si trasforma, nulla perisce …e continua a vivere nell’arte.
Roberto Perugini.


DOVE: Galleria Unique Torino

QUANDO: giovedì 26 ottobre 2017 h 18,30

EMAIL: info@galerieunique.com

URL: www.galerieunique.com



DOWNLOAD ALLEGATO
 
Cancelli d'ombra
Opere pittoriche, scultoree e fotografiche di una trentina di autori contemporanei, da Julia Bornefeld e Sandra Brandeis Crawford a Luca Caccioni, Claudio Costa e Graziano Pompili


Fabio Giampietro, The leap
Mostra di Fabio Giampietro alla Galleria de' Bonis


Marco Bolognesi al Museo Oscar Niemeyer per i 25 anni della Biennale di Curitiba
Mostra “Unspoken Deals”, a cura di Tício Escobar e Luiz Carlos Brugnera


Thomas Orthmann "Finestre sull'immaginario"
Una retrospettiva di grande pregio dedicata all’immaginario di Thomas Orthmann. Oltre 40 tele di grandi e piccole dimensioni ripercorrono il percorso artistico del visionario artista tedesco che amava definirsi “un piccolo marchigiano”


Carte d'Oriente. Carte d'Occidente
Mostra di opere su carta di Omar Galliani da Vicolo Folletto Art Factories


Sergio Zanni. Alla ricerca del perturbante
Mostra a cura di Sandro Parmiggiani


OfficinARS - Durante e dopo: Resilienza
Opere di Navid Azimi Sajadi, Penelope, Federica Poletti, Marika Ricchi, Thomas Scalco


Francesco Somaini. La stagione americana
La Galleria Open Art di Prato, in collaborazione con l'Archivio Somaini, presenta, dal 24 novembre 2018 al 9 febbraio 2019, "La stagione americana" dello scultore Francesco Somaini, uno degli artisti italiani contemporanei più rappresentati nei musei americani.



Art in World premia i vincitori del Premio D''''Annunzio

DECO MOBILI

DECO MOBILI STORE ONLINE

FESTIVAL DELLA VALLE D'ITRIA

  Art in World ® artinworld.com - arteinrete.net - menasinternete.lt - Artisti Contemporanei Internazionali | P.IVA 03108660733 | policy privacy