ITA | ENG | FRA | ESP| LIT | SUE | DEU
1274 Artisti presenti
 

ART IN WORLD

LOGIN UTENTI
Username

Password



dati smarriti?

SEI UN ARTISTA?
REGISTRATI E PUBBLICA LE TUE OPERE SU AIW


------------------

SEI UN GALLERISTA?
REGISTRA LA TUA GALLERIA


------------------

NEWS
GALLERIE
MUSEI
LINK UTILI
SITI SEGNALATI

PUBBLICA LE TUE NEWS

------------------
ART IN WORLD
INFO
SERVIZI
CONTATTI
NEWSLETTER
HELP ONLINE

------------------

CERCA NEL SITO



ART IN WORLD

Premio G. D’Annunzio

Art in World premia i vincitori del Premio D''''Annunzio

AIW INTERNATIONAL CONTEMPORARY ARTISTS

ART IN WORLD

ART IN WORLD - pittori ART IN WORLD - designer ART IN WORLD - scultori ART IN WORLD - decoratori ART IN WORLD - incisori ART IN WORLD - fotografi ART IN WORLD - gallerie ART IN WORLD - notizie
PITTORI DESIGNERS SCULTORI DECORATORI INCISORI FOTOGRAFI GALLERIE NEWS

HOME | AIW GALLERIA VIRTUALEAIW YEARBOOK - ANNUARIO 2010 | AIW RECENSIONI | CONCORSO AIW 2010

Fabio Giannantonio E-MAIL ARTISTA (categoria: Scultori)
Top Level

I contenuti qui di seguito riportati, sono a cura esclusiva dell'artista

 
Bookmark and Share
OPERE
 
Minerva
Minerva
 
 
Torrente
Torrente
 
 
Nido
Nido
 
 
Prima e dopo
Prima e dopo
 
 
Divinità
Divinità
 
 
Gabbiano
Gabbiano
 

BIOGRAFIA:

Intervista per il mensile "il bene Comune". D- Lei non ha una formazione artistica di tipo accademico; dagli studi di Architettura che aveva intrapreso, si è avvicinato gradualmente all'arte e in particolare alla scultura; vuole scandire le tappe di quest'itinerario? R- Non mi sono avvicinato gradualmente all'arte: l'ho sempre praticata nelle forme del disegno, della pittura e infine in alcuni studi compiuti nella facoltà di Architettura. Il lavoro più recente di scultore o meglio di composizione attraverso materiali come ferro e pietra, costituisce un naturale approdo dove confluiscono le mie precedenti conoscenze artistiche e la mia predisposizione. Un approdo dove una nave appena arrivata riparte per un altro affascinante e misterioso viaggio. J.Hillman dice:"Nasciamo tutti con una ghianda", abbiamo tutti una predisposizione interiore. Rivedo il bambino che disegna i fumetti, rivedo l'adolescente con i fogli sotto al braccio, matite e colori nella mano, che all'aria aperta disegna alberi e campanili. Rivedo il giovane irrequieto che butta colori sulla tela. Rivedo ancora un uomo guardare, disegnare e conoscere, capitelli classici e moderne vele in cemento, fuori e dentro di se. E vedo ancora un uomo che tra mille tormenti lascia una città e il lavoro per realizzare un suo desiderio: aprire un laboratorio artistico. Capisco adesso la frase di Hillman. D- Quali materiali utilizza per le sue opere? R- Ferro, pietra, rame, plexiglas, vetro. Materiali dell'architettura, prodotti industrialmente. Ma anche pezzi, scarti di essi derivanti da una loro precedente lavorazione. Il frammento suscita in me un grande interesse. La realtà odierna e passata giunge a noi e si palesa attraverso il frammento. D- Può delineare in breve, la prospettiva di ricerca lungo la quale è andata definendosi la sua poetica? R- Nella mia ricerca l'essenzialità, il concetto e l'astrazione sono fattori importanti. Inoltre, un' opera che voglia avere un respiro ampio, deve necessariamente contenere verità, bellezza, ricerca, umanità, mistero e poesia. D- Quali sono le esperienze artistiche alle quali si sente in qualche modo legato e gli scultori che l'hanno maggiormente influenzata? R- Mi sento legato soprattutto agli artisti italiani degli anni 50-70. Un arte quindi astratta, concettuale, minimalista, ma anche un arte piena di vivacità e ricerca. Gli scultori che mi hanno sicuramente influenzato e affascinato, sono scultori come Boccioni, Marino Marini, Melotti, Arnaldo e Giò Pomodoro, Fontana, Somaini, Giacometti, apprezzando quelli più contemporanei come Toni Benetton e Staccioli, fino ad arrivare ad artisti più giovani come Vanessa Beecroft e Cattelan. Ma tanti altri artisti a me cari, contemporanei e non, mi resterebbe di citare. D- Lavorare nel Molise è per lei una limitazione oppure un privilegio? R- Lavorare nel Molise è per me sia un privilegio che una limitazione. Privilegio perchè in questa regione si può condurre una quotidianità meno frenetica rispetto a quella di una grande città. Una limitazione in quanto la città offre un numero maggiore di stimoli culturali. Quando posso raggiungo le nostre città in occasione di eventi che mi interessano.


RECENSIONI:

Recensione critica A cura di Sabrina Falzone Nel soliloquio della storia le astratte libertà formali della scultura di Fabio Giannantonio si traducono in emozioni scultoree senza tempo, prive di qualsiasi intento didascalico. Tra imprevedibili sospensioni materiche e amene rielaborazioni concettuali la sua trepidante ricerca artistica si muove sull’ermetico terreno dell’archeologia per condurci verso nuove mete dell’ignoto. Come reperti di un’epoca memorabile, le sculture dell’autore molisano mettono in luce uno scenario caduco saturo di frammenti dell’umanità, elevati ad amabili brani di una sinfonia esistenziale che scandiscono ritmicamente il percorso dell’uomo da ieri a oggi. Il linguaggio sibillino delle opere di Giannantonio è sorretto da una significativa teoria dell’effimero che se da un lato defalca parodisticamente la magnificenza del classico, dall’altro esalta l’emblematica fragilità universale in un contesto di rivisitazione del mito che appare più che mai moderno. L’artista, infatti, non si avvale più dell’obsoleta strumentazione per la riproduzione di copie dagli antichi modelli della civiltà umana, bensì si orienta ad una rielaborazione scultorea effettuata mediante una composizione mista di elementi strutturali tra antico e contemporaneo, le cui caratteristiche definiscono il territorio dualistico su cui s’impernia l’espressione creativa dell’autore. L’eterogeneo assemblaggio di materiali come il plexiglas, la pietra e i metalli contribuiscono ad incrementare quel divario non solo tra passato e presente ma anche tra natura ed artificio che rende particolarmente suggestive le opere di Fabio Giannantonio, esautorate della tipica sontuosità dell’eroismo classico. Dalla pietra affiora un sovrumano silenzio, scaturito dall’indeterminatezza formale dei soggetti, volutamente lasciati nell’incertezza del divenire, quasi reduci illesi di un naufragio storico nelle forme dell’infinito.


MOSTRE:

2008 Estemporanea ai "Grandi magazzini Teatrali" (Campobasso). • 2009 "Le forme dell'infinito", collettiva al palazzo comunale di Moniga del Garda (Brescia). • 2009 Estemporanea al palazzo Ducale di Mirabello Sannitico (Campobasso). • 2010 Collettiva presso la galleria d'arte contemporanea "Il Borgo" (Milano). • 2010 Esposizione negozio di belle arti "La Saletta" (Campobasso). • 2011 Esposizione al ristorante "Il Battello ebbro" Termoli (Campobasso). • 2011 Mostra personale alla sala "AxA", Tipografia Foto Lampo (Campobasso). • 2012 "Mito contemporaneo", mostra personale presso la galleria d'arte contemporanea "Officina Solare", Termoli ( Campobasso). • 2013 "Guardando il mare in una notte d'estate", mostra personale presso la galleria d'arte contemporanea "Limiti Inchiusi" (Campobasso). • 2013 Mostra personale al palazzo ducale di Ripalimosani (Campobasso) • 2014 Partecipazione alla seconda edizione del "Premio Auditorium, città di Isernia" .


 
 
Arteam Cup 2019
Sono aperte le iscrizioni al premio d'arte contemporanea Arteam Cup 2019. La mostra finale di questa edizione si terrà in Liguria, a Sanremo (IM), a Villa Nobel, dal 14 settembre al 27 ottobre 2019. Deadline iscrizioni: 15 luglio 2019.


Andrea Mariconti - Oltre L'Interferenza
a cura di Maria Grazia Melandri e Antonella Liguori


Alessandro Scarabello a Castiglione del Lago con la mostra Uppercrust
Presenta Opera Rubra, progetto site specific per Palazzo della Corgna


In / Natura
Opere di Rodolfo Liprandi ed Ersilia Sarrecchia


Mostra di pittura di Fernando Pietròpoli a Garda
Fernando Pietròpoli, ovvero, la fruizione dei contrari


MATERIALS - Mostra personale di Gianpiero Castiglioni
Mostra personale di Gianpiero Castiglioni


Artexpo Summer Rome 2019
rassegna artistica internazionale a Roma


Transiti
Opere di Gianni Asdrubali, Davide Benati, Max Bi, Dario Brevi, Ezio Bruno Caraceni, Amanda Chiarucci, Antonio Ciarallo, Paolo Conti, Marcello De Angelis, Erk14, Feofeo, Reale Franco Frangi, Theo Gallino, Riccardo Gusmaroli, Mimmo Iacopino, Pietro Iori, Giovanni Lombardini, Umberto Mariani, Sandro Martini, Juan Eugenio Ochoa, Josè Demetrio Peña, Fernando Picenni, Graziano Pompili, Marco Nereo Rotelli, Shinya Sakurai, Arjan Shehaj, Mario Surbone, Telo, Teso, Jorrit Tornquist, Caterina Tosoni


Luigi Menozzi. Intrepidi intrecci
Arte e natura si danno la mano nelle fotografie di Luigi Menozzi, esposte dal 10 maggio al 22 novembre 2019 negli spazi di BFMR & Partners a Reggio Emilia. Curata da Sandro Parmiggiani, la mostra è inserita nel circuito Off di “Fotografia Europea”.



Art in World premia i vincitori del Premio D''''Annunzio

DECO MOBILI

DECO MOBILI STORE ONLINE

Fondazione Paolo Grassi

  Art in World ® artinworld.com - arteinrete.net - menasinternete.lt - Artisti Contemporanei Internazionali | P.IVA 03108660733 | policy privacy