ITA | ENG | FRA | ESP| LIT | SUE | DEU
1261 Artisti presenti
 

ART IN WORLD

LOGIN UTENTI
Username

Password



dati smarriti?

SEI UN ARTISTA?
REGISTRATI E PUBBLICA LE TUE OPERE SU AIW


------------------

SEI UN GALLERISTA?
REGISTRA LA TUA GALLERIA


------------------

NEWS
GALLERIE
MUSEI
LINK UTILI
SITI SEGNALATI

PUBBLICA LE TUE NEWS

------------------
ART IN WORLD
INFO
SERVIZI
CONTATTI
NEWSLETTER
HELP ONLINE

------------------

CERCA NEL SITO



ART IN WORLD

Premio G. D’Annunzio

Art in World premia i vincitori del Premio D''''Annunzio

AIW INTERNATIONAL CONTEMPORARY ARTISTS

ART IN WORLD

ART IN WORLD - pittori ART IN WORLD - designer ART IN WORLD - scultori ART IN WORLD - decoratori ART IN WORLD - incisori ART IN WORLD - fotografi ART IN WORLD - gallerie ART IN WORLD - notizie
PITTORI DESIGNERS SCULTORI DECORATORI INCISORI FOTOGRAFI GALLERIE NEWS

HOME | AIW GALLERIA VIRTUALEAIW YEARBOOK - ANNUARIO 2010 | AIW RECENSIONI | CONCORSO AIW 2010

 
NEWS ART IN WORLD MOSTRE E AVVENIMENTI D'ARTE IN ITALIA E ALL'ESTERO
LEGGI TUTTE LE NEWS SUGLI EVENTI IN CORSO | VAI ALL'ARCHIVIO STORICO DELLE NEWS | SEGNALA UN EVENTO

Bookmark and Share

Articolo pubblicato da: Ikon Comunicazione

“DEUS EX FABRICA” APERTA UNA CALL INTERNAZIONALE DI RESIDENZA ONLINE PER ARTISTI DIGITALI, MULTIMEDIALI, SOUND ARTISTS, COMPOSERS, CHIAMATI A “RISVEGLIARE” LA FABBRICA ALTA DI SCHIO.

Grazie ai linguaggi dell’arte e alle nuove tecnologie, l’edificio di archeologia industriale vicentino si trasforma in un grande strumento di suoni e visioni, che reagisce alle sollecitazioni degli artisti e dialoga con la città.


“Risvegliare” la Fabbrica Alta di Schio, gigante da anni silente e addormentato, per darle nuova vita, immaginandone anche nuove destinazioni e un diverso destino: è l’obiettivo dell’innovativo progetto “Deus Ex Fabrica”, che segna la fase conclusiva del percorso di rigenerazione culturale e urbana “FabricAltra”, promosso dal Comune di Schio insieme alla Fondazione Teatro Civico di Schio, con il coordinamento scientifico del Laboratorio di management dell’arte e della cultura dell’Università Ca’ Foscari di Venezia.
Ideato e curato dal collettivo di artisti professionisti D20, il progetto chiama all’azione, dall’Italia e dal mondo, artisti digitali, multimediali, sound artists, compositori, affinché grazie alla loro creatività e tramite i linguaggi dell’arte e le tecnologie digitali consentano alla fabbrica di “accendersi” ed esprimersi, rendendola sensibile all’ambiente e alle presenze umane e mettendola in dialogo con la città e il mondo.
La Fabbrica Alta di Schio - luogo simbolo della città e del lavoro in questo territorio - diventa così un grande strumento da suonare e far risuonare, una pagina da disegnare e dipingere. E le sue “reazioni”, come per un organismo vivente, saranno imprevedibili e sorprendenti: allegra, triste, divertita o divertente, comunque sempre disposta e in attesa di entrare in comunicazione, di essere nuovamente viva e “vicina” alla città e a chi la vorrà ascoltare e guardare.
Aperta fino a sabato 10 febbraio 2018, la call (http://fabricaltra.it/deus_ex_fabrica/; in inglese: http://fabricaltra.it/deus-ex-fabrica-eng/#project) propone una settimana di residenza online per ogni artista selezionato (oltre a un premio di 200 €). Da qui al 21 marzo, un calendario di “sperimentazioni” vedrà ciascuno dei nove artisti scelti interagire per una settimana da remoto con la struttura: una sofisticata piattaforma tecnologica permetterà loro di creare composizioni uniche e site-specific. Gli artisti potranno dunque interpretare i dati provenienti da sensori posizionati ad hoc, generare visuals sul ledwall della facciata della costruzione e processare in tempo reale il suono di un carillon meccanico azionato tramite computer.
Utilizzando materiali reperiti nelle stanze abbandonate del fabbricato, il collettivo D20 ha costruito infatti una macchina del suono, con martelli che percuotono pezzi di telaio, bracci meccanici che sfregano lamiere, martelletti che picchiettano vecchi trofei ritrovati negli uffici. Inoltre un archivio di suoni, nuovi e di repertorio, catturati e digitalizzati (dei vecchi telai, del lavoro quotidiano nella fabbrica,…) potranno essere usati e manipolati dai compositori come una tavolozza “musicale”. Allo stesso modo, la facciata della fabbrica diventerà un enorme schermo di luci e colori, i cui effetti saranno resi visibili all’artista, durante la sua sperimentazione a distanza, grazie a una webcam puntata sull’edificio.
I partecipanti selezionati potranno comporre i loro pezzi e le installazioni sonore utilizzando i software Supercollider, Max/MSP, Pure Data. Gli input e gli output sono già mappati tramite un’interfaccia audio e endpoint OSC, da utilizzarsi secondo la personale visione artistica di ciascuno. Il lavoro potrà contenere materiale campionato, tracce multimediali fixed-media, audio di sintesi, sequenze di composizione algoritmica.
Le proposte devono attenersi al set up scaricabile al link:
https://docs.google.com/document/d/1w0DUYj23jJvQ8HEeSatp1Ok3Fowz9hD_ZTyiQZqlI90/export?format=pdf


DOVE: Schio (Vicenza)

QUANDO: La call è aperta fino a sabato 10 febbraio

URL: http://fabricaltra.it/deus_ex_fabrica/

Silvia Bigi, L'albero del latte
Mostra a cura di Francesca Lazzarini


Ennio Calabria
Sum ergo Cogito


Premio Internazionale d'Arte Contemporanea “Apollo dionisiaco” Roma 2018
L’Annuale Internazionale romana di Poesia in voce, Arte in mostra e Critica in semiotica estetica delle opere


Riccardo Varini - A Po
Mistero poetico, rinuncia alle parole e al rumore: alla Casa di Cura Privata Polispecialistica Villa Verde di Reggio Emilia, dal 9 febbraio al 9 marzo 2018, una rapsodia in bianco del fotografo reggiano Riccardo Varini, dedicata al fiume Po. La mostra, promossa dalla Casa di Cura e dal Circolo degli Artisti, in collaborazione con ARTyou, sarà inaugurata venerdì 9 febbraio alle ore 18.00 con una presentazione di Giuseppe Berti.


Carlo Ciussi
La Pittura come fisicità del pensiero


Eros Rizzo “Colore e anima”
“Il pittore di Este” per antonomasia, conosciutissimo e apprezzato non solo nella sua città che omaggia dipingendone monumenti, chiese, portici e palazzi con uno stile primitivo, visionario, istintivo.


A Recanati Lotto dialoga con Leopardi
Due uomini eccezionali, atipici, dall’intelletto tormentato. La mostra a cura di Vittorio Sgarbi a Villa Colloredo Mels


LIGHTQUAKE 2017: luci, colori ed effetti sensazionali
in mostra a Spoleto e Gubbio la Black Light Art e la Light Art



Art in World premia i vincitori del Premio D''''Annunzio

DECO MOBILI

DECO MOBILI STORE ONLINE

FESTIVAL DELLA VALLE D'ITRIA

  Art in World ® artinworld.com - arteinrete.net - menasinternete.lt - Artisti Contemporanei Internazionali | P.IVA 03108660733 | policy privacy