ITA | ENG | FRA | ESP| LIT | SUE | DEU
1261 Artisti presenti
 

ART IN WORLD

LOGIN UTENTI
Username

Password



dati smarriti?

SEI UN ARTISTA?
REGISTRATI E PUBBLICA LE TUE OPERE SU AIW


------------------

SEI UN GALLERISTA?
REGISTRA LA TUA GALLERIA


------------------

NEWS
GALLERIE
MUSEI
LINK UTILI
SITI SEGNALATI

PUBBLICA LE TUE NEWS

------------------
ART IN WORLD
INFO
SERVIZI
CONTATTI
NEWSLETTER
HELP ONLINE

------------------

CERCA NEL SITO



ART IN WORLD

Premio G. D’Annunzio

Art in World premia i vincitori del Premio D''''Annunzio

AIW INTERNATIONAL CONTEMPORARY ARTISTS

ART IN WORLD

ART IN WORLD - pittori ART IN WORLD - designer ART IN WORLD - scultori ART IN WORLD - decoratori ART IN WORLD - incisori ART IN WORLD - fotografi ART IN WORLD - gallerie ART IN WORLD - notizie
PITTORI DESIGNERS SCULTORI DECORATORI INCISORI FOTOGRAFI GALLERIE NEWS

HOME | AIW GALLERIA VIRTUALEAIW YEARBOOK - ANNUARIO 2010 | AIW RECENSIONI | CONCORSO AIW 2010

 
NEWS ART IN WORLD MOSTRE E AVVENIMENTI D'ARTE IN ITALIA E ALL'ESTERO
LEGGI TUTTE LE NEWS SUGLI EVENTI IN CORSO | VAI ALL'ARCHIVIO STORICO DELLE NEWS | SEGNALA UN EVENTO

Bookmark and Share

Articolo pubblicato da: Anna Soricaro

il prestigio dell'arte

Collettiva d’arte contemporanea a cura di Anna Soricaro.


Un titolo che lascia pensare alla magia dell’arte introduce un’esposizione di arte contemporanea ispirata ad una citazione di un vecchio film americano. ‘Il prestigio dell‘arte’ è un evento di quattro artisti tutte donne, Daniela Cerpelloni, Monia Minnucci, Anna Maria Moramarco, Francesca Morlacchi che parlano di emozioni, quotidianità, riflessioni . Ebbene sì, l’arte è magia, lascia che molte cose, con e grazie ad essa, svaniscano e ricompaiano come emozioni, ricordi, sensazioni, piaceri e dispiaceri. A pensarci bene ogni opera d’arte ha una PRESENTAZIONE che è il primo impatto con l’osservatore. Dopo c’è il COLPO DI SCENA che è il particolare che sempre lo spettatore coglie guardando attentamente un’opera. Infine c’è il PRESTIGIO che è poi la sorpresa che lascia l’emozione finale nel cogliere il senso dell’opera, positivo o negativo che esso sia. L’arte è la più grande magia che possa esistere con la semplicità di pochi artifici e la naturalezza di porsi così come viene creata. Non servono in fondo tante parole per spiegare che ‘il prestigio dell’arte’ comincia da quando un artista si approccia ai colori e l’osservatore si ferma davanti a quei toni prescelti. Un percorso particolare che comincia dalla costruzione nella prima sala e che diviene de-costruzione nella sala successiva.
Daniela Cerpelloni ha un rapporto che si potrebbe ‘magico’ con l’arte perché la sua vita, il suo lavoro, la sua famiglia, la sua quotidianità le consentono di creare continuamente piccoli disegni che sono frammenti di ogni emozione che attraversa il quotidiano.Il disegno è il modo che l’artista utilizza per perdersi e trovarsi in uno stato di benessere o malessere per scoprire, solo dopo aver terminato il disegno, ciò che ha creato. L’arte è piacere sofferenza insieme per la Cerpelloni, non ha una tecnica che le appartiene, prima utilizzava la spatola, pi il disegno, a volte anche impasti con il gesso. Prediligendo la semplicità della carta riesce ad imprimere in essa i solchi della rabbia o la rapidità di un gesto rapido che è concettuale. Linee e curve colorate imprigionano volti, alberi e occhi e sprigionano una tale sinfonia da restarne stupidi. Una parete ricolma di fogli volanti inquadra un rettangolo di colori svariati ed è un fotogramma di vita sempre diverso che si può guardare tutto insieme o stare lì a cogliere ogni dettaglio di un’opera. Andando via i fogli si sollevano per tornare al loro posto, come un saluto all’osservatore poiché il dialogo che ogni volta la Cerpelloni crea con la carta e il colore e lo stesso che tenta di instaurare con chi osserva, come una aperitivo tra tre grandi amiche che si conoscono da sempre e si sentono spesso, ma sempre hanno tanto da dirsi con lo stesso impeto di quando non ci si vede mail.
Monia Minnucci ritrae solo volti di donna dai tratti e dalla semplicità essenziale. Priva di artifizi, dai tratti marcati in ogni opera emerge l’animo intricato e complesso dell’intellettuale poetessa che ritrae. Le donne sono sempre tratteggiate sole, vivono in una solitudine continua perse in quello sguardo fisso, tra pensieri e gesti. Tratti decisi e spessi delineano il volto in visi sempre grandi dagli sguardi languidi, pensierosi, a volte persi o dagli occhi socchiusi. La scena del dipinto è divisa tra un fondo dalla gestualità rapida e intricata ed una resa corporea attenta, accurata e minuziosa. Una delicatezza estrema si palesa subito ed una solarità evanescente poiché dietro ogni sguardo si cela la profondità di un animo intricato, complesso e non sempre pacato. Profonde e schiette le protagoniste posano con un’aria semplice e con purezza mettono a nudo l’animo complesso e intricato di chi dipinge. Sono poesia quelle della Minnucci, non ritratti, poiché in ogni parte di quel volto e di quella posa si esprime l’animo combattuto, a volte sofferente, di una donna che ha perso, trovato e perso nuovamente ricordi, amori, incontri, amicizie.
Anna Maria Moramarco stravolge i canoni della convenzionalità figurativa e si avvale delle proprie competenze in architettura in una pittura che apparentemente imprigiona l’uomo ed invece è un urlo alla liberazione. Ebbene sì, sono un grido alla libertà quegli spazi geometrici in cui il protagonista vaga, gira, si aggroviglia: basti notare lo spazio aperto e rotto alle spalle e la volontà dello sguardo di andare oltre. E non solo, l’agilità di quell’uomo dalle fattezze classiche, la grandezza di rendere al meglio il travertino individuano un’arte non convenzionale, che sfonda i canoni del contemporaneo e trasporta in una dimensione avvincente, classica e contemporanea insieme. Quei corpi intrappolati se la cavano inquadra sempre in quel groviglio di linee, si appiattiscono, attorcigliano, adeguano per poi liberarsi.
Francesca Morlacchi è appassionata di anatomia femminile ed ogni opera è un racconto della sua storia che è, poi, la storia di ogni donna. Spesso dipinge partendo dallo studio di un fotografia, a volte dipinge anche dal vero ponendosi davanti ad uno specchio. Ogni corpo custodisce emozioni, paure, gioia, tristezza mescolati o alternati e per questo le sue donne vengono messe a nudo, agli occhi di chiunque, senza vergogna o malizia perché il corpo è ciò che tutti possediamo e la messa a nudo è l’atto più grande di semplicità, purezza, trasparenza. Un tratto leggero, a volte rapido, dettaglia la femminilità con una delicatezza che disarma lo spettatore non per la nudità dei corpi, ma per l’essenzialismo di quei tratti che esplodono in fondi volutamente accessi, un rosso entusiasmante che è rosa-fuscsia od oro ed urlano forte agli occhi in un coinvolgimento completo dell’osservatore poiché tutti i sensi sono intrappolati nella comprensione delle opere d’arte della Morlacchi. Quanta grazia in quei tratti, quanta magia nel tratteggiare genitali femminili in rese di sorprendente raffinatezza senza mai sfociare nella rocaggine.
[…]
Ogni grande numero di magia è costituito da 3 parti.
La prima si chiama PRESENTAZIONE: il mago mostra qualcosa di ordinario che naturalmente non lo è.
La seconda si chiama COLPO DI SCENA: il mago trasforma quello di ordinario in qualcosa di straordinario. Non cercare di scoprire il segreto perché non ci riuscirai.
Per questo esiste una terza parte chiamata PRESTIGIO dove succede l'inaspettato, dove vedi qualcosa che non hai mai visto prima".
The Prestige, USA, Gran Bretagna 2006


DOVE: Centro Culturale Zerouno,via indipendenza, 27, Barletta

INFO: Periodo di Riferimento: 17 - 31 ottobre 2017 Patrocini: Fondazione Giuseppe De Nittis Vernice: martedì 17 ottobre - ore 18.00 - Orari:. lun- ven. 17.00 - 20.00 sabato e tutte le mattine su appuntamento - dom. chiuso. Ingresso: Libero. Espongono: Daniela Cerpelloni, Monia Minnucci, Anna Maria Moramarco, Francesca Morlacchi

EMAIL: arte@zero-uno.org

URL: www.zero-uno.org

Silvia Bigi, L'albero del latte
Mostra a cura di Francesca Lazzarini


Ennio Calabria
Sum ergo Cogito


Premio Internazionale d'Arte Contemporanea “Apollo dionisiaco” Roma 2018
L’Annuale Internazionale romana di Poesia in voce, Arte in mostra e Critica in semiotica estetica delle opere


Riccardo Varini - A Po
Mistero poetico, rinuncia alle parole e al rumore: alla Casa di Cura Privata Polispecialistica Villa Verde di Reggio Emilia, dal 9 febbraio al 9 marzo 2018, una rapsodia in bianco del fotografo reggiano Riccardo Varini, dedicata al fiume Po. La mostra, promossa dalla Casa di Cura e dal Circolo degli Artisti, in collaborazione con ARTyou, sarà inaugurata venerdì 9 febbraio alle ore 18.00 con una presentazione di Giuseppe Berti.


Carlo Ciussi
La Pittura come fisicità del pensiero


Eros Rizzo “Colore e anima”
“Il pittore di Este” per antonomasia, conosciutissimo e apprezzato non solo nella sua città che omaggia dipingendone monumenti, chiese, portici e palazzi con uno stile primitivo, visionario, istintivo.


A Recanati Lotto dialoga con Leopardi
Due uomini eccezionali, atipici, dall’intelletto tormentato. La mostra a cura di Vittorio Sgarbi a Villa Colloredo Mels


LIGHTQUAKE 2017: luci, colori ed effetti sensazionali
in mostra a Spoleto e Gubbio la Black Light Art e la Light Art



Art in World premia i vincitori del Premio D''''Annunzio

DECO MOBILI

DECO MOBILI STORE ONLINE

FESTIVAL DELLA VALLE D'ITRIA

  Art in World ® artinworld.com - arteinrete.net - menasinternete.lt - Artisti Contemporanei Internazionali | P.IVA 03108660733 | policy privacy